Gen
18
gio
CO_scienze incontri con i docenti @ Osservatorio Astronomico di Capodimonte
CO_scienze incontri con i docenti @ Osservatorio Astronomico di Capodimonte | Napoli | Campania | Italia

6 incontri sulle modalità innovative per comunicare la scienza
vai al progetto completo

Corso di formazione per docenti riconosciuto dal MIURper indagare il mondo delle culture ‘scientifica’ ed ‘umanistica’ attraverso la trasversalità delle competenze e con diverse modalità di racconto (dal gioco allo storytelling, dal laboratorio allo spazio all’interno di una nuvola, dalla modellazione alle news provocatorie) e rendere la scienza più prontamente accessibile e comprensibile.

Da neodirettrice dell’Osservatorio Astronomico di Capodimonte -riferisce in una nota la dr.ssa Marcella Marconisono lieta di ospitare questa interessante iniziativa che, concentrandosi su importanti temi didattici, esplora originali sinergie tra cultura scientifica e cultura umanistica. A tutti i relatori e i partecipanti il mio augurio di buon lavoro“.

CO_scienze si configura come un luogo immateriale-materiale per lo scambio di idee tra i diversi mondi che si occupano di insegnamento. Immateriale – chiarisce Salvatore Fruguglietti, responsabile servizi scientifici de Le Nuvole perchè il percorso di formazione e aggiornamento per i docenti intende costruire una rete di saperi e metodologie, ‘materiale’ perché, durante gli incontri, vengono immaginate, pensate e progettate (insieme docenti e formatori) delle attività che possono essere portate in classe. La società vive oggi un clima di costanti cambiamenti che interessano vari campi del sapere, ma in particolare quelli attinenti alla sfera scientifica e tecnologica tutti noi abbiamo bisogno di comprenderli e di comprendere l’impatto che avranno sulla nostra esistenza, per poter fare scelte di vita e di carriera informate”.

Il primo dei 6 incontri programmati il 18 gennaio 2018 (ciascuno della durata di 4 ore, ai quali si può partecipare singolarmente o nella loro totalità) avrà per tema Storytelling – Tolemaici o copernicani e sarà condotto da Massimo Ruccio, fisico e comunicatore scientifico presso Corporea a Città della Scienza. Lo storytelling è la prima tecnica che sarà presentata ai docenti per comprendere, insieme, come riuscire a contestualizzare questo strumento di comunicazione nell’ambito di una programmazione didattica sia dal punto di vista delle competenze sia dal punto di vista del target di riferimento, sperimentando una reale progettazione partecipata con gli insegnanti”. Il programma degli incontri formativi proseguirà il 25 gennaio con Il gioco racconto – Spazio Vitale, a cura di Mariangela d’Aquino, Gianluca Pacca e Valentina Russo, un tavolo laboratorio multimediale, organizzato in isole, arricchito da diverse installazioni per dimostrare come il gioco di ruolo, grazie all’ausilio di microscopi ed esperimenti, possa essere uno strumento efficace per scoprire com’è nata la vita sul nostro Pianeta. Il 1 febbraio con Laura Pellegrini e Gianluca Vitiello si parlerà di Simbiosi – Modellare la scienza, attraverso modelli scientifici tridimensionali su grande scala – ideati e costruiti in paste modellabili, poliuretano, polistirolo, vernici e resine sintetiche – si sperimenterà alcune di queste forme di ‘contatto’. In data 8 febbraio si sperimenterà l’innovativa tecnica del Play decide ovvero news provocatorie a ritmo serrato per attivare dibattiti, quanto più possibili risolutivi, di situazioni ‘a rischio’ attraverso la conduzione di Nadia Santafede e Sara Vassallo. Per giovedì 15 febbraio si prevede, per i più piccoli, un approccio più poetico, basato sulle suggestioni emozionali di un racconto che coinvolgerà tutti i sensi per affrontare discorsi come il ‘ciclo dell’acqua’ o il delicato tema della procreazione in compagnia di Sandra Mouaikel, protagonista di Nuvola – Raccontare nello spazio. La conclusione, il 22 febbraio, è affidata a Unica materia incontro dibattito su Galileo Galilei: scrittore, filosofo e scienziato secondo la presentazione del metodo da parte di Valentina Russo e Massimo Ruccio.

Tutti i docenti del corso, dottori specializzati in materie scientifiche, impegnati come comunicatori da oltre 15 anni presso il Museo di Città della Scienza, oggi Corporea, sono gli ideatori dei modelli innovativi di comunicazione della scienza che saranno presentati in occasione di CO_SCIENZE.

Incontri gratuiti, rilascio di attestato di partecipazione riconosciuto MIUR_per docenti registrazione obbligatoria su S.O.F.I.A./MIUR ricercando per codice I.D. 9284 – CO_scienze. Modalità innovative per comunicare la scienza, entro il 17.01.2018.

Contatti Le Nuvole Scienza 081 2395666 – 345 4885798 – [email protected]

 CO_scienze.Corso di Formazione ID9284

Per schede di approfondimento, info costi e prenotazioni attività didattiche a scuola vai a la brochure le nuvole_scienza

 

Gen
31
mer
Pratica Maestra_incontri con i docenti @ Teatro dei Piccoli
Pratica Maestra_incontri con i docenti @ Teatro dei Piccoli | Napoli | Campania | Italia

 

PRATICA MAESTRA a cura di Le Nuvole/Casa del Contemporaneo in collaborazione con Salvatore Guadagnuolo, AGITA

Corso di formazione riconosciuto dal MIUR su piattaforma S.O.F.I.A._I.D. 4643 – chiusura iscrizioni 30.01.2018*_vai al progetto completo

Tre incontri per sperimentare e documentarsi su alcuni modelli di pratica educativa. Don Milani e Giulia Civita Franceschi hanno rappresentato degli esempi pedagogici la cui pratica, applicata alla situazione, ha dato una serie di risposte che sono ancora ripercorribili nel mondo educativo di oggi.
Educazione è una parola da declinarsi al plurale per esplicitare la natura di aiuto maieutico che essa implica come metodo, un particolare indispensabile in un quadro di educazione degli adulti. Tale significato fa preferire il termine “educazione” a quello di “formazione” (che implica un’idea di intervento esterno a plasmare un soggetto “informe”, a meno che non lo si intenda in senso attivistico, come ricerca della propria “forma” da parte del soggetto) o di “istruzione” (dove è implicita l’idea di costruzione del soggetto attraverso un addestramento tecnico).
Ci sono state alcune esperienze dove il termine “educazione” è inoltre estensivo rispetto a quello di “scuola” e allarga l’intervento a tutti quei contesti sociali in cui il senso della relazione instaurata è il prendersi cura dell’altro, dello star bene e delle istanze espressive dell’altro.
I tre appuntamenti, lo spettacolo su Don Milani (il 31 gennaio), la testimonianza di Giulia Civita (il 28 marzo) e la presenza di Eraldo Affinati e Fabio Cocifoglia (il 31 maggio), avranno come filo rosso l’educazione in contesti sociali particolari e di conseguenza lo sviluppo di una pedagogia della situazione per affrontare e superare barriere e differenze.
Tuttavia una vera pedagogia della differenza si esprime non certo in prediche e indottrinamenti, né con tecniche di persuasione più o meno sofisticate, ma anzitutto sperimentando quotidianamente la realtà di una scuola come una “comunità di diversi”, che non emargina chi non è “uguale” o chi non è in grado di seguire il ritmo dei migliori.
È chiaro che, perché tutto ciò avvenga, è necessario porre come elementi centrali della relazione educativa l’ascolto, il dialogo, la ricerca comune e l’utilizzo di metodologie attive e di tecniche d’animazione in grado di sviluppare le capacità critiche di porsi delle domande, di imparare a mettersi nei panni altrui, di attivare delle reti di discussione, di uscire dagli schemi, di essere creativi e divergenti.
E il linguaggio teatrale diventa molto utile per dar corpo e vita ai progetti e per tradurre idee in concreti percorsi di avvicinamento e conoscenza delle culture dell’umanità.
Salvatore Guadagnuolo

INFO UTILI

  • destinatari: docenti di scuole di ogni ordine e grado (prenotazione obbligatoria*)
  • durata: 26 ore complessive – minimo 20 ore di frequenza per rilascio attestato ovvero spettacolo teatrale/docufilm/incontro-dibattito su DON MILANI e GIULIA CIVITA (12 h) + seminario di chiusura DIDATTICA DELLA VISIONE (8 h.)
  • date: mercoledì 31 gennaio | mercoledì 28 marzo | giovedì 31 maggio 2018 ore 17.00 – 21.00 | lunedì 11 e martedì 12 giugno 2018 ore 16.00/20.00 | mercoledì 20 giugno 2018 ore 15.00 – 21.00
  • sede di realizzazione: Teatro dei Piccoli, via Usodimare, Napoli
  • costi e modalità di pagamento: € 10,00**
  • dettagli sul calendario attività:
  • mercoledì 31/01 spettacolo teatrale Cammelli a Barbiana – Don Lorenzo Milani e la sua scuola di Inti di Brindisi
  • mercoledì 28/03 MARE MATER docufilm di Casa del Contemporaneo/Le Nuvole
  • giovedì 31/05 PRATICA MAESTRA con Eraldo Affinati e Fabio Cocifoglia
  • lunedì 11 e martedì 12/06 giugno ore 16.00/20.00 DIDATTICA DELLA VISIONE seminario di chiusura
  • mercoledì 20/06 RESTITUZIONI i docenti che hanno partecipato alla 21a edizione del festival di teatro per le nuove generazioni MAGGIO ALL’INFANZIA, a cura di Teatri di Bari, “restituiscono” l’esperienza del progetto ESLPORAZIONI 2018.
*Incontri riconosciuti come formazione per il personale della scuola in forza dell’accreditamento al MIUR di Le Nuvole come ente di formazione. È previsto l’esonero dall’obbligo del servizio. Sarà rilasciato attestato di partecipazione ai soli iscritti sulla piattaforma S.O.F.I.A. MIUR ricercando per codice ID 4643.

**La quota di partecipazione è di € 10,00 e potrà essere versata (entro il 30.01.2018):

  • detraendola dal bonus della Carta Docente (consegnare agli uffici Le Nuvole copia del voucher);
  • con bonifico bancario intestato a: Le Nuvole Soc. Coop. Via Tasso, 480 – Napoli 80127 – IBAN: IT68U0623003546000063382145 – causale PRATICA MAESTRA (consegnare agli uffici Le Nuvole copia del mandato di pagamento) o in contanti agli uffici Le Nuvole.

Contatti tel. 081 239 5653 – feriali 9.00/17.00 – www.lenuvole.it  facebook: teatrolenuvole; referente Morena Pauro [email protected]

 ID 4643 PRATICA MAESTRA

 

 

Feb
21
mer
CO_scienze UN’UNICA MATERIA incontri con i docenti @ Osservatorio Astronomico di Capodimonte
CO_scienze UN'UNICA MATERIA incontri con i docenti @ Osservatorio Astronomico di Capodimonte | Napoli | Campania | Italia

Ultimo dei 6 incontri di CO_scienze. Modalità innovative per comunicare la scienza
corso di formazione per docenti riconosciuto dal MIUR_vai al progetto completo

Un’unica materia
a cura di Gianluca Pacca,
comunicatore della scienza.

Quanti Galileo Galilei esistono? Uno scrittore, un filosofo ed uno scienziato? O è sempre la stessa persona?

Progettare per competenze vuol dire anche avere la possibilità di dire infinite cose in infiniti modi ma trovare il modo giusto per dire l’unica cosa necessaria in quell’istante.  La costruzione di catalogatori concettuali per costruire una lezione dove l’unico elemento guida è una parola d’ordine, una suggestione, una curiosità o, meglio, una sciocchezza raccontata da un ragazzo! Ma poi è proprio una sciocchezza?

Fase operativa – Il gioco di spiegare forme costruite con elementi geometrici; serve per riflettere giocando su come sia complessa la comunicazione e come la comunicazione deve essere fatta per essere efficace, non noiosa, interessante, non troppo cavillosa ma anche non troppo superficiale.

 

Altre info utili:
destinatari: docenti di scuole di ogni ordine e grado (prenotazione obbligatoria*)
sede di realizzazione: Osservatorio Astronomico di Capodimonte, Salita Moiariello 16, 80131 Napoli
costi e modalità di pagamento: gratuito
*dettagli sul calendario attività: il percorso di formazione è composto da 6 incontri di 4 ore ciascuno (ai quali si può partecipare singolarmente o nella loro totalità) ed è previsto il rilascio di certificati a seguito di iscrizione alla piattaforma SOFIA in forza dell’accreditamento de Le Nuvole presso il MIUR quale ente di formazione per il personale della scuola.

  • Per avere diritto all’ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE
    ISCRIZIONE OBBLIGATORIA sulla piattaforma S.O.F.I.A./MIUR

 CO_scienze.Corso di Formazione ID9284

Contatti Le Nuvole Scienza 081 2395666 – 345 4885798 – [email protected]

Per schede di approfondimento, info costi e prenotazioni attività didattiche a scuola vai a la brochure le nuvole_scienza

 

Mar
4
dom
Domenicalmuseo all’Anfiteatro Campano e Mitreo

Per #DomenicalMuseo, giornata in cui tutti i musei e le aree archeologiche statali saranno visitabili gratuitamente Le Nuvole Archeologia propone visite guidate all’Anfiteatro Campano e al Mitreo a Santa Maria Capua Vetere (CE) con inizio alle ore 11.00.
L’appuntamento è alla biglietteria dell’Anfiteatro Campano per un percorso guidato della durata di circa 90 minuti in cui il pubblico – l’attività è consigliata a partire dai 12 anni – si visiteranno l’Anfiteatro Campano e il Mitreo.

Anfiteatro Campano e Museo dei gladiatori
Secondo solo al Colosseo per dimensioni, l’anfiteatro campano è uno degli esemplari meglio conservati, pertanto, è possibile comprendere il funzionamento della complessa struttura architettonica destinata al divertimento del popolo. Un’architettura, vera e propria macchina dei giochi, che organizza gli spazi sia in funzione del grande pubblico che la frequenta, prevedendone l’ingresso ordinato per settori, sia in funzione delle diverse tipologie di spettacoli che ospita, gabbie per animali e ingegnosi meccanismi per gli apparati scenografici, visibili nei sotterranei, molto ben conservati. Se è ancora da accertare l’origine campana dei giochi gladiatori, è certo invece che l’antica Capua era famosa per la sua scuola gladiatoria e che, proprio da qui, prese l’avvio uno dei più famosi episodi della storia antica: la rivolta di Spartaco.
Mitreo
Il culto del dio persiano Mitra si diffuse ampiamente nell’impero romano, anche nell’antica Capua, nel II-III secolo d.C., fu costruito un Mitreo, luogo di culto iniziatico riservato agli adepti, soprattutto militari e funzionari dello Stato. La galleria sotterranea conserva, in buono stato, il dipinto con il sacrificio rituale del toro sacro che lo stesso dio Mitra uccide alla presenza di altre figure e animali simbolici.

INFO
Prenotazione consigliata allo 0812395653 (feriali) o in biglietteria 08231831093 (festivi)_costo della visita a persona € 5 cad. (dai 12 anni)_ingresso al sito gratuito.

Visite guidate, attività didattiche e percorsi su misura per un pubblico di tutte le età tutto l’anno
a Santa Maria Capua Vetere (CE), Paestum, Elea Velia
tre luoghi di interesse archeologico, filosofico ed architettonico

 

vai a la brochure le nuvole_archeologia

 


Paestum Family Lab

PAESTUM FAMILY LAB itinerari all’interno del museo alla scoperta dell’antica Paestum è la nuova proposta didattica family friendly del Museo Archeologico Nazionale di Paestum in programma la prima e terza domenica del mese alle ore 11.30 e 16.30, fino a maggio 2018, per bambini (dai 4 anni) accompagnati da genitori…nonni…zii!!!

I visitatori saranno guidati lungo un breve itinerario a tema all’interno delle sale del Museo Archeologico prima di entrare nel vivo del laboratorio creativo dove adulti, bambini e ragazzi potranno liberare la propria fantasia realizzando disegni o sculture. Le ‘piccole opere’ potranno essere portate a casa dai partecipanti come ricordo della giornata, mentre le foto scattate delle stesse entreranno a far parte di un album dedicato, da sfogliare online sul sito web e sulla pagina Facebook del Parco archeologico di Paestum.

Da gennaio e fino a maggio, ogni data avrà un tema diverso che accompagnerà la visita e il laboratorio, in modo da ampliare la conoscenza di Paestum e della vita dei suoi abitanti nel corso dei secoli. Si andrà quindi alla scoperta degli edifici più significativi della città, come i maestosi templi ancora oggi in piedi e il monumento dedicato all’eroe fondatore, oppure si verrà trasportati dalla dimensione urbana, circoscritta alle mura, a quella del territorio, dove sorge un altro edificio di culto che oggi è in grado di comunicare al visitatore solo attraverso le immagini scolpite sulla pietra. Grazie a questi ‘fotogrammi’ architettonici, di cui sarà illustrata anche la tecnica di realizzazione, si cercherà di ricongiungere le vicende degli dei scelti a protezione della città a quelle relative ai personaggi mitici e divini che hanno contribuito alla fondazione di questo santuario “di confine”, in particolare Eracle ed Hera, uniti in perenne rapporto di amore/odio.

Il laboratorio interattivo PAESTUM FAMILY LAB (euro 3 a persona oltre ingresso al sito) è realizzato all’interno delle sale del Museo Archeologico per piccoli (dai 4 anni) e grandi (numero limitato di partecipanti, prenotazione consigliata anticipatamente ai recapiti Le Nuvole allo 0812395653 e [email protected] (feriali 9/17) o alla biglietteria del museo 0828 811023 e [email protected]) è avrà una durata di un’ora.

 

Parco e Museo Archeologico Nazionale di Paestum

Le architetture millenarie dei templi, insieme alle tracce del tessuto urbano greco-romano, offrono la lettura di oltre un millennio di storia che racchiude le origini della nostra civiltà. Il Museo conserva testimonianze archeologiche del territorio, dai primi insediamenti preistorici fino all’epoca romana.

Visite guidate, attività didattiche e percorsi su misura per un pubblico di tutte le età tutto l’anno
a Santa Maria Capua Vetere (CE), Paestum, Elea Velia
tre luoghi di interesse archeologico, filosofico ed architettonico

 

vai a la brochure le nuvole_archeologia

 


Mar
9
ven
FAMELAB Napoli 2018 @ Osservatorio Astronomico di Capodimonte
FAMELAB Napoli 2018 @ Osservatorio Astronomico di Capodimonte | Napoli | Campania | Italia

FAMELAB ITALIA è il talent show della scienza promosso dall’ente culturale britannico British Council, con il coordinamento su base nazionale in Italia di Psiquadro di Perugia. Basterà inviare una email a [email protected] entro il 2 marzo 2018 (regolamento e modalità di partecipazione su www.famelab-italy.it) per accedere alla giornata di selezione a cura di Le Nuvole/Casa del Contemporaneo in collaborazione con INAF – Osservatorio Astronomico di Capodimonte e Fondazione Idis/Città della Scienza organizzata venerdì 9 marzo 2018 ore 17.30 all’Osservatorio Astronomico di Capodimonte.

La serata di concluderà con le osservazioni del cielo con i telescopi dell’Osservatorio in collaborazione con Unione Astrofili Napoletani. Un evento da non perdere dunque sia per aspiranti concorrenti che pubblico di curiosi di scienza!

Il progetto intende coinvolgere giovani scienziati e ricercatori, oltre che il grande pubblico, sull’importanza della divulgazione in ambito scientifico con mezzi semplici ma efficaci e di forte impatto.

Protagonisti del progetto sono 31 paesi tra Europa, Asia e America; in Italia, oltre a Napoli, altre 9 città (ovvero Ancona, Foggia, Catania, L’Aquila, Modena, Padova, Perugia e Trieste) ospiteranno le selezioni locali da cui usciranno i partecipanti (2 per ciascuna selezione) alla Finale Nazionale in programma in aprile a Roma dove sarà designato il campione italiano che volerà alla finale internazionale durante il Cheltenham Science Festival, nel Regno Unito, nel mese di giugno.

L’appuntamento di Napoli si inserisce, inoltre, nell’ambito del progetto CO_scienze, un progetto contenitore de Le Nuvole/Casa del Contemporaneo che sistemizza un premio di drammaturgia scientifica, una collana di teatro e scienza e le rassegne di eventi di comunicazione teatrale della scienza.

Alla presenza di una giuria composta da esperti del settore della scienza e della comunicazione, ma anche dinanzi al pubblico in sala, i concorrenti – ricercatori o studenti tra i 18 e i 40 anni – saranno chiamati a presentare in 3 minuti di tempo un argomento a carattere scientifico utilizzando unicamente la propria voce ed il proprio corpo. Lo scopo sarà risultare affascinanti e coinvolgenti oltre che comprensibili anche per il grande pubblico.

Ai primi due classificati, oltre al diritto di accesso alla finale di Roma, sarà assicurata anche la partecipazione ad una masterclass sulla comunicazione della scienza.

 

Per partecipare alla selezione occorre compilare il modulo di iscrizione online a FameLab Napoli.

Per informazioni scrivi a: [email protected]   

www.famelab-italy.it

www.lenuvole.it

www.oacn.inaf.it

www.cittadellascienza.it

Mar
28
mer
Pratica Maestra_MARE MATER incontri con i docenti @ Teatro dei Piccoli
Pratica Maestra_MARE MATER incontri con i docenti @ Teatro dei Piccoli | Napoli | Campania | Italia

Secondo appuntamento con PRATICA MAESTRA pedagogia della situazione per abbattere le differenze corso di formazione per docenti riconosciuto dal MIUR_ vai al progetto completo

La visione di MARE MATER, il docufilm di Casa del Contemporaneo/Le Nuvole

Negli anni tra il 1913 e il 1928, Napoli fu al centro dell’interesse pedagogico internazionale per un esperimento educativo straordinario, che si realizzò sulla Nave-Asilo “Caracciolo”, una piro-corvetta in disuso, donata dalla Marina Militare. A dirigere la “Caracciolo”, fu chiamata Giulia Civita Franceschi che in 15 anni di attività raccolse nei vicoli di Napoli oltre 750 ragazzi, sottraendoli a una condizione di abbandono e delinquenza e indirizzandoli ai mestieri del mare. Il suo metodo – apprezzato da Maria Montessori – poneva al centro i valori della dignità legata al lavoro, della solidarietà e degli affetti. Nel 1928, Giulia Civita Franceschi fu allontanata dal fascismo che, nel suo intento anti-democratico e totalitario, volle inserire questo istituto educativo nell’Opera Nazionale Balilla, interrompendone la peculiare funzione.

 

Prossimi appuntamenti*:
  • 31.05.2018 Pratica Maestra incontro dibattito con Eraldo Affinati e Fabio Cocifoglia 11 e 12.06.2018 DIDATTICA DELLA VISIONE seminario di chiusura in collaborazione con Casa dello Spettatore, Roma 20.06.2018 Restituzioni dalle insegnanti di Maggio all’Infanzia 2018

Altre info utili:
destinatari: docenti di scuole di ogni ordine e grado (prenotazione obbligatoria*)
sede di realizzazione: Teatro dei Piccoli, viale Usodimare Napoli
costi e modalità di pagamento: € 10,00 omnicomprensivo di tutti gli incontri
*dettagli sul calendario attività: il percorso di formazione è composto da 6 incontri  per un totale di 26 ore (frequenza minima 20 ore) ed è previsto il rilascio di attestato di partecipazione a seguito di iscrizione alla piattaforma SOFIA in forza dell’accreditamento de Le Nuvole presso il MIUR quale ente di formazione per il personale della scuola.

  • Per avere diritto all’ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE
    ISCRIZIONE OBBLIGATORIA sulla piattaforma S.O.F.I.A./MIUR I.D. 4643 ENTRO E NON OLTRE IL 30.01.2018

 ID 4643 PRATICA MAESTRA

Contatti Le Nuvole 081 2395653 [email protected]

Apr
1
dom
Domenicalmuseo all’Anfiteatro Campano e Mitreo

Per #DomenicalMuseo, giornata in cui tutti i musei e le aree archeologiche statali saranno visitabili gratuitamente Le Nuvole Archeologia propone visite guidate all’Anfiteatro Campano e al Mitreo a Santa Maria Capua Vetere (CE) con inizio alle ore 11.00.
L’appuntamento è alla biglietteria dell’Anfiteatro Campano per un percorso guidato della durata di circa 90 minuti in cui il pubblico – l’attività è consigliata a partire dai 12 anni – si visiteranno l’Anfiteatro Campano e il Mitreo.

Anfiteatro Campano e Museo dei gladiatori
Secondo solo al Colosseo per dimensioni, l’anfiteatro campano è uno degli esemplari meglio conservati, pertanto, è possibile comprendere il funzionamento della complessa struttura architettonica destinata al divertimento del popolo. Un’architettura, vera e propria macchina dei giochi, che organizza gli spazi sia in funzione del grande pubblico che la frequenta, prevedendone l’ingresso ordinato per settori, sia in funzione delle diverse tipologie di spettacoli che ospita, gabbie per animali e ingegnosi meccanismi per gli apparati scenografici, visibili nei sotterranei, molto ben conservati. Se è ancora da accertare l’origine campana dei giochi gladiatori, è certo invece che l’antica Capua era famosa per la sua scuola gladiatoria e che, proprio da qui, prese l’avvio uno dei più famosi episodi della storia antica: la rivolta di Spartaco.
Mitreo
Il culto del dio persiano Mitra si diffuse ampiamente nell’impero romano, anche nell’antica Capua, nel II-III secolo d.C., fu costruito un Mitreo, luogo di culto iniziatico riservato agli adepti, soprattutto militari e funzionari dello Stato. La galleria sotterranea conserva, in buono stato, il dipinto con il sacrificio rituale del toro sacro che lo stesso dio Mitra uccide alla presenza di altre figure e animali simbolici.

INFO
Prenotazione consigliata allo 0812395653 (feriali) o in biglietteria 08231831093 (festivi)_costo della visita a persona € 5 cad. (dai 12 anni)_ingresso al sito gratuito.

Visite guidate, attività didattiche e percorsi su misura per un pubblico di tutte le età tutto l’anno
a Santa Maria Capua Vetere (CE), Paestum, Elea Velia
tre luoghi di interesse archeologico, filosofico ed architettonico

 

vai a la brochure le nuvole_archeologia

 


Paestum Family Lab

PAESTUM FAMILY LAB itinerari all’interno del museo alla scoperta dell’antica Paestum è la nuova proposta didattica family friendly del Museo Archeologico Nazionale di Paestum in programma la prima e terza domenica del mese alle ore 11.30 e 16.30, fino a maggio 2018, per bambini (dai 4 anni) accompagnati da genitori…nonni…zii!!!

I visitatori saranno guidati lungo un breve itinerario a tema all’interno delle sale del Museo Archeologico prima di entrare nel vivo del laboratorio creativo dove adulti, bambini e ragazzi potranno liberare la propria fantasia realizzando disegni o sculture. Le ‘piccole opere’ potranno essere portate a casa dai partecipanti come ricordo della giornata, mentre le foto scattate delle stesse entreranno a far parte di un album dedicato, da sfogliare online sul sito web e sulla pagina Facebook del Parco archeologico di Paestum.

Da gennaio e fino a maggio, ogni data avrà un tema diverso che accompagnerà la visita e il laboratorio, in modo da ampliare la conoscenza di Paestum e della vita dei suoi abitanti nel corso dei secoli. Si andrà quindi alla scoperta degli edifici più significativi della città, come i maestosi templi ancora oggi in piedi e il monumento dedicato all’eroe fondatore, oppure si verrà trasportati dalla dimensione urbana, circoscritta alle mura, a quella del territorio, dove sorge un altro edificio di culto che oggi è in grado di comunicare al visitatore solo attraverso le immagini scolpite sulla pietra. Grazie a questi ‘fotogrammi’ architettonici, di cui sarà illustrata anche la tecnica di realizzazione, si cercherà di ricongiungere le vicende degli dei scelti a protezione della città a quelle relative ai personaggi mitici e divini che hanno contribuito alla fondazione di questo santuario “di confine”, in particolare Eracle ed Hera, uniti in perenne rapporto di amore/odio.

Il laboratorio interattivo PAESTUM FAMILY LAB (euro 3 a persona oltre ingresso al sito) è realizzato all’interno delle sale del Museo Archeologico per piccoli (dai 4 anni) e grandi (numero limitato di partecipanti, prenotazione consigliata anticipatamente ai recapiti Le Nuvole allo 0812395653 e [email protected] (feriali 9/17) o alla biglietteria del museo 0828 811023 e [email protected]) è avrà una durata di un’ora.

 

Parco e Museo Archeologico Nazionale di Paestum

Le architetture millenarie dei templi, insieme alle tracce del tessuto urbano greco-romano, offrono la lettura di oltre un millennio di storia che racchiude le origini della nostra civiltà. Il Museo conserva testimonianze archeologiche del territorio, dai primi insediamenti preistorici fino all’epoca romana.

Visite guidate, attività didattiche e percorsi su misura per un pubblico di tutte le età tutto l’anno
a Santa Maria Capua Vetere (CE), Paestum, Elea Velia
tre luoghi di interesse archeologico, filosofico ed architettonico

 

vai a la brochure le nuvole_archeologia

 


Mag
6
dom
Domenicalmuseo all’Anfiteatro Campano e Mitreo

Per #DomenicalMuseo, giornata in cui tutti i musei e le aree archeologiche statali saranno visitabili gratuitamente Le Nuvole Archeologia propone visite guidate all’Anfiteatro Campano e al Mitreo a Santa Maria Capua Vetere (CE) con inizio alle ore 11.00.
L’appuntamento è alla biglietteria dell’Anfiteatro Campano per un percorso guidato della durata di circa 90 minuti in cui il pubblico – l’attività è consigliata a partire dai 12 anni – si visiteranno l’Anfiteatro Campano e il Mitreo.

Anfiteatro Campano e Museo dei gladiatori
Secondo solo al Colosseo per dimensioni, l’anfiteatro campano è uno degli esemplari meglio conservati, pertanto, è possibile comprendere il funzionamento della complessa struttura architettonica destinata al divertimento del popolo. Un’architettura, vera e propria macchina dei giochi, che organizza gli spazi sia in funzione del grande pubblico che la frequenta, prevedendone l’ingresso ordinato per settori, sia in funzione delle diverse tipologie di spettacoli che ospita, gabbie per animali e ingegnosi meccanismi per gli apparati scenografici, visibili nei sotterranei, molto ben conservati. Se è ancora da accertare l’origine campana dei giochi gladiatori, è certo invece che l’antica Capua era famosa per la sua scuola gladiatoria e che, proprio da qui, prese l’avvio uno dei più famosi episodi della storia antica: la rivolta di Spartaco.
Mitreo
Il culto del dio persiano Mitra si diffuse ampiamente nell’impero romano, anche nell’antica Capua, nel II-III secolo d.C., fu costruito un Mitreo, luogo di culto iniziatico riservato agli adepti, soprattutto militari e funzionari dello Stato. La galleria sotterranea conserva, in buono stato, il dipinto con il sacrificio rituale del toro sacro che lo stesso dio Mitra uccide alla presenza di altre figure e animali simbolici.

INFO
Prenotazione consigliata allo 0812395653 (feriali) o in biglietteria 08231831093 (festivi)_costo della visita a persona € 5 cad. (dai 12 anni)_ingresso al sito gratuito.

Visite guidate, attività didattiche e percorsi su misura per un pubblico di tutte le età tutto l’anno
a Santa Maria Capua Vetere (CE), Paestum, Elea Velia
tre luoghi di interesse archeologico, filosofico ed architettonico

 

vai a la brochure le nuvole_archeologia

 


Paestum Family Lab

PAESTUM FAMILY LAB itinerari all’interno del museo alla scoperta dell’antica Paestum è la nuova proposta didattica family friendly del Museo Archeologico Nazionale di Paestum in programma la prima e terza domenica del mese alle ore 11.30 e 16.30, fino a maggio 2018, per bambini (dai 4 anni) accompagnati da genitori…nonni…zii!!!

I visitatori saranno guidati lungo un breve itinerario a tema all’interno delle sale del Museo Archeologico prima di entrare nel vivo del laboratorio creativo dove adulti, bambini e ragazzi potranno liberare la propria fantasia realizzando disegni o sculture. Le ‘piccole opere’ potranno essere portate a casa dai partecipanti come ricordo della giornata, mentre le foto scattate delle stesse entreranno a far parte di un album dedicato, da sfogliare online sul sito web e sulla pagina Facebook del Parco archeologico di Paestum.

Da gennaio e fino a maggio, ogni data avrà un tema diverso che accompagnerà la visita e il laboratorio, in modo da ampliare la conoscenza di Paestum e della vita dei suoi abitanti nel corso dei secoli. Si andrà quindi alla scoperta degli edifici più significativi della città, come i maestosi templi ancora oggi in piedi e il monumento dedicato all’eroe fondatore, oppure si verrà trasportati dalla dimensione urbana, circoscritta alle mura, a quella del territorio, dove sorge un altro edificio di culto che oggi è in grado di comunicare al visitatore solo attraverso le immagini scolpite sulla pietra. Grazie a questi ‘fotogrammi’ architettonici, di cui sarà illustrata anche la tecnica di realizzazione, si cercherà di ricongiungere le vicende degli dei scelti a protezione della città a quelle relative ai personaggi mitici e divini che hanno contribuito alla fondazione di questo santuario “di confine”, in particolare Eracle ed Hera, uniti in perenne rapporto di amore/odio.

Il laboratorio interattivo PAESTUM FAMILY LAB (euro 3 a persona oltre ingresso al sito) è realizzato all’interno delle sale del Museo Archeologico per piccoli (dai 4 anni) e grandi (numero limitato di partecipanti, prenotazione consigliata anticipatamente ai recapiti Le Nuvole allo 0812395653 e [email protected] (feriali 9/17) o alla biglietteria del museo 0828 811023 e [email protected]) è avrà una durata di un’ora.

 

Parco e Museo Archeologico Nazionale di Paestum

Le architetture millenarie dei templi, insieme alle tracce del tessuto urbano greco-romano, offrono la lettura di oltre un millennio di storia che racchiude le origini della nostra civiltà. Il Museo conserva testimonianze archeologiche del territorio, dai primi insediamenti preistorici fino all’epoca romana.

Visite guidate, attività didattiche e percorsi su misura per un pubblico di tutte le età tutto l’anno
a Santa Maria Capua Vetere (CE), Paestum, Elea Velia
tre luoghi di interesse archeologico, filosofico ed architettonico

 

vai a la brochure le nuvole_archeologia

 


Mag
17
gio
ESPLORAZIONI_incontri con i docenti @ Teatro Kismet/Teatro Abeliano
Mag 17–Mag 20 giorno intero
ESPLORAZIONI_incontri con i docenti @ Teatro Kismet/Teatro Abeliano | Bari | Puglia | Italia

CORSO DI AGGIORNAMENTO 

a cura di Le Nuvole/Casa del Contemporaneo in collaborazione con Salvatore Guadagnuolo, AGITA

  • destinatari: docenti di scuole di ogni ordine e grado (numero limitato di partecipanti, prenotazione obbligatoria*)
  • durata: 30 ore complessive
  • date: maggio 2018 giovedì 17 (5 h), venerdì 18 (10 h), sabato 19 (10 h) domenica 20 (5 h)
  • sede di realizzazione: Bari, Teatro Kismet Strada San Giorgio Martire, 22/f e Teatro Abelliano via Padre Kolbe, 3
  • costi e modalità di pagamento: € 150,00** (comprensiva di incontri condotti dagli esperti; visione degli spettacoli – circa 10 selezionati dalla vetrina MAGGIO ALL’INFANZIA; alloggio, in formula B&B, in camera doppia per tre notti
; bus navetta per gli spostamenti interni in città
; lista ristoranti convenzionati)
  • dettagli sul calendario attività: partenza da Napoli il 17 maggio ore 13 e rientro a Napoli il 20 maggio ore 19 

     

    Un gruppo di insegnanti che insieme a operatori e artisti si interrogano sull’arte per le nuove generazioni. È su queste premesse che il Maggio all’infanzia diventerà ancora una volta, per il quarto anno, terreno di “esplorazioni”, in cui la visione degli spettacoli sarà il centro dell’osservazione ma anche il punto di partenza per allargare e spostare lo sguardo.
Un cammino guidato dentro al festival e dentro l’esperienza di essere spettatori, un appuntamento quotidiano per incontrarsi dandosi tempo e spazio per una discussione attorno al teatro, all’infanzia, ai linguaggi nuovi e già sperimentati. E poi la possibilità di valorizzare e ravvivare la stretta relazione che c’è tra l’arte per le nuove generazioni e la scuola; saranno infatti gli insegnanti i principali destinatari di questa ricerca in un viaggio di esplorazione da compiere insieme ad artisti e operatori, in cui ogni giorno accendere idee e riflessioni e realizzare un momento di analisi attiva e costruttiva.
    Andare a teatro è innanzitutto condividere un’esperienza di comunità, ed è a questa comunità che si rivolge la Casa dello Spettatore. Obiettivo principale è restituire all’arte la sua funzione sociale, alimentando la curiosità e la consapevolezza del pubblico in modo strutturato.
Imparare a “vedere” è una pratica che si vive nell’immediatezza del presente e si nutre della sorpresa e dell’imprevedibilità, ma che si struttura e si radica poi dentro l’articolazione più complessa delle vite di spettatori che sono ancora prima persone con le proprie convinzioni, con i propri sguardi. Ed è qui che la ricerca continua e l’approfondimento diventano elementi necessari: come una bussola indicano strade inesplorate, connettendo l’esperienza del singolo a quella di una collettività più ampia.
    Giorgio Testa, Casa dello Spettatore

Incontri riconosciuti come formazione per il personale della scuola in forza dell’accreditamento al MIUR di Le Nuvole come ente di formazione. È previsto l’esonero dall’obbligo del servizio. Sarà rilasciato attestato di partecipazione

*Le prenotazioni chiuderanno il 27 aprile 2018 o a esaurimento posti disponibili. Al modulo di prenotazione dovrà essere allegato la ricevuta del bonifico o il codice di detrazione dalla Carta docente. La prenotazione sarà considerata effettiva al versamento della quota di partecipazione_ scarica il modulo prenotazione_corsi di aggiornamento docenti

**La quota di partecipazione potrà essere:

  • versata con bonifico bancario intestato a Le Nuvole Soc. Coop. Via Tasso, 480 – Napoli 80127 – IBAN: IT68U0623003546000063382145 (specificare nella causale ESPLORAZIONI);
  • detratta dal bonus della Carta Docente.

 SCHEDA ESPLORAZIONI_Bari_maggio 2018

 

 

Mag
31
gio
Pratica Maestra_dibattito interattivo incontri con i docenti @ Teatro dei Piccoli
Pratica Maestra_dibattito interattivo incontri con i docenti @ Teatro dei Piccoli | Napoli | Campania | Italia

Terzo appuntamento con PRATICA MAESTRA pedagogia della situazione per abbattere le differenze corso di formazione per docenti riconosciuto dal MIUR_ vai al progetto completo

Incontro dibattito su Don Lorenzo Milani e Giulia Civita Franceschi con Eraldo Affinati e Fabio Cocifoglia

Giulia Civita (1870-1957) e Lorenzo Milani (1923-1967), ancora oggi non smettono di interrogarci, ne raccogliamo la sfida esistenziale, ancora aperta e drammaticamente incompiuta a partire da L’uomo del futuro. Sulle strade di don Lorenzo Milani di Eraldo Affinati (scrittore e docente) e con Da scugnizzi a marinaretti. L’esperienza della Nave Asilo Caracciolo, a cura di Antonio Mussari e Maria Antonietta Selvaggio, con Fabio Cocifoglia (autore e regista). L’incontro vedrà anche una testimonianza dei docenti TSVF 2017/2018 che presenteranno una breve comunicazione teatrale, a testimonianza del cammino, della strada percorsa insieme e quotidianamente, con “valigie da svuotare e da riempire perché alla fine del viaggio si è subito pronti per un’altra avventura.”

Prossimi appuntamenti*:
  • 11 e 12.06.2018 DIDATTICA DELLA VISIONE seminario di chiusura in collaborazione con Casa dello Spettatore, Roma 20.06.2018 Restituzioni dalle insegnanti di Maggio all’Infanzia 2018

Altre info utili:
destinatari: docenti di scuole di ogni ordine e grado (prenotazione obbligatoria*)
sede di realizzazione: Teatro dei Piccoli, viale Usodimare Napoli
costi e modalità di pagamento: € 10,00 omnicomprensivo di tutti gli incontri
*dettagli sul calendario attività: il percorso di formazione è composto da 6 incontri  per un totale di 26 ore (frequenza minima 20 ore) ed è previsto il rilascio di attestato di partecipazione a seguito di iscrizione alla piattaforma SOFIA in forza dell’accreditamento de Le Nuvole presso il MIUR quale ente di formazione per il personale della scuola.

  • Per avere diritto all’ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE
    ISCRIZIONE OBBLIGATORIA sulla piattaforma S.O.F.I.A./MIUR I.D. 4643 ENTRO E NON OLTRE IL 30.01.2018

 ID 4643 PRATICA MAESTRA

Contatti Le Nuvole 081 2395653 [email protected]