le nuvole a FUTURO REMOTO 2017

Il laboratorio SIMBIOSI e il gioco racconto scientifico SPAZIO VITALE ideati, realizzati e condotti dai comunicatori scientifici de Le Nuvole sono fra gli eventi in programma per i ragazzi alla XXXI edizione di FUTURO REMOTO 2017 – CONNESSIONI a cura di Città della Scienza/Fondazione Idis in programma in Piazza del Plebiscito, Napoli, dal 25 al 28 maggio.

Dopo un lungo tour che ha portato il progetto #scienzainviaggio in giro per l’Italia da Padova a Genova, Bolzano e Senigallia Le Nuvole – già impegnate ogni giorno in attività di accoglienza, visita guidata e animazioni scientifiche a CORPOREA, il primo museo interattivo del corpo umano in Europa – tornano ad animare SPAZIO VITALE l’inedito gioco racconto scientifico ideato e realizzato dai comunicatori scientifici Mariangelad’Aquino, Gianluca Pacca, Massimo Ruccio, Nadia Santafede nell’ambito di FUTURO REMOTO – CONNESSIONI lì dove era stato presentato al pubblico la prima volta lo scorso ottobre 2016. A questa proposta, sempre all’interno del PADIGLIONE 1 tutti i giorni da giovedì 25 a domenica 28 maggio dalle ore 10 alle ore 22, si aggiunge il laboratorio SIMBIOSI che nasce dall’idea e dal lavoro di altri due comunicatori scientifici Laura Pellegrini e Gianluca Vitiello sempre destinato ad un pubblico di bambini e ragazzi dai 6 anni.

SPAZIO VITALE, dai 6 anni, è un racconto sull’esistenza a tutte le dimensioni in cui, grazie all’ausilio di microscopi, esperimenti ed un affascinante gioco di ruolo, gli ospiti saranno catapultati nella galassia, alla scoperta di microbi mutanti, esopianeti e molecole vitali. “Un tavolo laboratorio multimediale, organizzato in isole, arricchito da diverse installazioni per scoprire com’è nata la vita sul nostro Pianeta – riferiscono d’Aquino, Pacca, Ruccio e Santafede e aggiungono – Un allestimento che si presenta come metafora di viaggio, di ricerca, di esplorazione, di sogno, di meraviglia, di tentativo di comprendere da dove veniamo e dove stiamo andando, senza dimenticare dove siamo”.

Il laboratorio SIMBIOSI, dai 6 anni, è incentrato sull’omonimo fenomeno – dal greco “sin-bios” ossia con-vivere, vivere a contatto – che è l’associazione tra due o più organismi appartenenti a specie diverse. Uno degli aspetti più intriganti del mondo naturale, infatti, è rappresentato dalle diverse forme di simbiosi che si stabiliscono nel corso di milioni di anni di evoluzione tra esseri viventi, che – indirettamente – hanno anche un’utilità per l’uomo. Attraverso l’utilizzo di modelli scientifici tridimensionali – ideati e costruiti in paste modellabili, poliuretano, polistirolo, vernici e resine sintetiche dai comunicatori scientifici de Le Nuvole – si sperimenterà con il pubblico alcune di queste forme di ‘contatto’. “L’idea di realizzare modelli tridimensionali su grande scala – chiariscono Pellegrini e Vitiellonasce dall’esigenza di FAR VEDERE MEGLIO soprattutto ad un pubblico non sempre abituato ad osservare il mondo microscopico, permettendo agli utenti di ogni formazione ed età di visualizzare i ‘micro mondi’ nascosti negli ambienti naturali e le incredibili interazioni racchiuse in essi”.

 

Giochi, laboratori, storytelling, formazione partecipata come SPAZIO VITALE e SIMBIOSI sono progetti ideati dal gruppo LE NUVOLE INNOVAZIONE e SVILUPPO costituito da comunicatori della scienza senior per arrivare lì dove le parole da sole non possono.

La partecipazione agli eventi di FUTURO REMOTO è gratuita. Info su www.cittadellascienza.it/futuroremoto.

 

La LIPU e Le Nuvole insieme per un piccolo falco

Un evento nell’evento al Teatro dei Piccoli: venerdì 10 marzo alle ore 10.30 in occasione dell’ultima giornata di programmazione dello spettacolo CIP CIP BAU BAU IL LIGUAGGIO DEGLI ANIMALI di CTA di Gorizia, inserito inYOUNG rassegna teatrale per le nuove generazioni a cura di Le Nuvole/Casa del Contemporaneo, i veterinari del Centro Recupero Fauna Selvatica dell’ASL Napoli 1 e la LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli) libereranno un piccolo falchetto della specie Gheppio insieme ai bambini della scuola dell’infanzia dell’84° C.D. “E.A.Mario” ospiti in sala.

Questo Gheppio, rapace diurno protetto dalla legge, è stato ritrovato ferito nella zona flegrea – riferisce il dr. Rino Espositocoordinatore regionale LIPU della Campaniae per questo ci è sembrato significativo farlo tornare alla natura, dopo le cure ricevute all’Ospedale Veterinario, in questo parco di pini marittimi all’interno della Mostra d’Oltremare. Il Gheppio infatti predilige gli spazi aperti dove può facilmente dedicarsi alla caccia e trovare luoghi sicuri dove posarsi”.

Siamo felici collaborare con la LIPU – aggiunge Morena Pauro, direttrice artistica di YOUNG – in occasione di questo spettacolo dedicato all’infanzia che, di fatto, è un invito a recuperare quello che è lo stato primordiale con la natura e ad affinare la nostra capacità di mettersi in ascolto, di percepire l’altro, umano o animale che sia. Bobo, il protagonista di CIP CIP BAU BAU, ci racconterà di come si sia ritrovato a comunicare con gli animali e ad impararne il linguaggio riuscendo, in tal modo, a mettere in salvo se stesso e molte altre persone da situazioni anche molto intricate e pericolose”.

L’appuntamento di venerdì 10 marzo è un evento costruito grazie alla sinergia fra la LIPU e le Nuvole/Casa del Contemporaneo su temi di comune interesse: parlare alle nuove generazioni di natura e tutela dell’ambiente e, in particolare in questa occasione, degli uccelli. Oltre al piacere di avere la compagnia del loro canto, essi rappresentano anche un ottimo indicatore ecologico. Tuttavia il comportamento irresponsabile degli uomini rischia di far sparire dai nostri cieli fino a 80 specie differenti di volatili. Per questo occorre agire, e in fretta, con programmi mirati di conservazione di cui siano informati anche e soprattutto i più piccoli: proteggendo i siti riproduttivi, tutelando i luoghi dove si nutrono, difendendo le aree dove transitano o sostano nel corso delle lunghe transvolate tra l’Europa e l’Africa, rendendo più sano l’ambiente in cui vivono e sostenendo e coadiuvando il lavoro dei Centri Recupero che prestano soccorso e assistenza agli singoli animali in difficoltà.

INFO
Le Nuvole/Casa del Contemporaneo
0812395653 (feriali 9/17)/0812397299 (giorni spettacolo) [email protected]
LIPU Coordinamento regionale della Campania
3204376292[email protected]

vai al comunicato Evento-LIPU-e-LE-NUVOLE_Teatro-dei-Piccoli_10marzo_Napoli.doc

 

FAMELAB selezione Napoli 2017

#FameLab TALKING SCIENCE 2017

Tre minuti e una manciata di parole per comunicare al pubblico un argomento scientifico che ti appassiona. Se sei uno scienziato, un ricercatore o uno studente universitario e hai voglia di mettere alla prova il tuo talento di comunicatore puoi partecipare alle selezioni FameLab Italia.

selezione napoli giovedì 16 marzo 2017 a Città della Scienza

scadenza domande di partecipazione [email protected] martedì 14 marzo 2017

E se siete curiosi di sapere com’è andata a Napoli lo scorso anno leggete qui o andate su www.famelab-italy.it

Il ragazzo autistico nella scuola e nella società

L’inclusione scolastica e sociale dei bambini e dei ragazzi con Disturbo dello Spettro Autistico
a cura di Comune di Napoli Assessorato alla scuolaAsl Napoli 1 Centro Centro Unico Aziendale per la Salute Mentale in età evolutiva

Interverranno:
> Annamaria Calmieri, Assessore alla scuola del Comune di Napoli
> Luisa Russo, Responsabile del Centro Unico Aziendale per la Salute Mentale in età evolutiva della Asl Napoli 1 Centro

***
il TEATRO SCUOLA tra vedere e fare
includere con il teatro, esperienze tra scuola e palcoscenico a cura di Le Nuvole e Agita

La città adattabile docufilm di Giuseppe Mastrocinque e Stefano Boffa_prodotto da Le Pecore Nere srl e Nuovo Imaie
momenti di vita dei ragazzi autistici dei quartieri Vomero e Arenella di Napoli

Attività riconosciuta come formazione per il personale docente. Sarà rilasciato l’attestato di partecipazione ed è previsto l’esonero dall’obbligo di servizio.
Prenotazione consigliata a Le Nuvole 081 239 5653 (lun/ven 9/17 – [email protected])

INFO: www.napoliperlautismo.it | fb napoliperlautismo | [email protected]

  

 

L’Appia ritrovata. In cammino da Brindisi a Roma

tutti i sabato e domeniche fino al 25 marzo 2017, ore 12
visite guidate gratuite alla mostra fotografica, documentaria e multimediale L’Appia ritrovata. In cammino da Roma a Brindisi
in programma al Museo Archeologico dell’Antica Capua (CE) inclusa nel biglietto di ingresso al Circuito dell’Antica Capua

Un’avventura che potremmo definire magnifica e terribile, terrena e visionaria, vissuta attraverso meraviglie ma anche devastazioni, sbattendo talvolta il naso contro l’indifferenza di un Paese cinico e prono ai poteri forti, ma capace di grandi slanci ospitali e di straordinari atti di resistenza “partigiana” contro lo sfacelo.
Paolo Rumiz, Riccardo Carnovalini, Alessandro Scillitani e Irene Zambon nell’estate 2015 hanno percorso a piedi 611 chilometri, in 29 giorni e circa un milione di passi, riuscendo, così, a tracciare finalmente il percorso integrale della madre di tutte le vie, dimenticata in secoli di dilapidazione, incuria e ignoranza. L’Appia.
I quattro viaggiatori hanno voluto svolgere il viaggio sui muri della mostra come un rotolo di pergamena, capace di farci avanzare nel tempo e nello spazio allo stesso modo dei soldati di pietra sulla colonna traiana. Non si tratta dunque di un portale per lettori frettolosi, ma di un atto fisico di attraversamento, dove l’Incipit, più che libro, è corridoio, vestibolo d’ingresso, varco semibuio che porta a una caverna rilucente di tesori.

La mostra è a cura della Regione Campania, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo,  Polo museale della Campania, Scabec Spa, Società Geografica Italiana onlus e Festival della Letteratura di Viaggio. La mostra e le attività connesse, che interesseranno anche ulteriori siti lungo il percorso campano dell’antica Appia,  sono realizzate nell’ambito del progetto “Itinerari culturali e religiosi” programmato e finanziato dalla Regione Campania con fondi POC.

Visite guidate su prenotazione (numero limitato di partecipanti) a Le Nuvole allo 0812395653 (feriali 9/17) e alla biglietteria allo 08231831093 (festivi).
Consigliate a partire dai 12 anni, gratuite. Ingresso alla mostra gratuito, incluso nel biglietto di ingresso al Circuito Antica Capua (quando previsto).

scarica la locandina
]

 

L’Appia ritrovata. In cammino da Roma a Brindisi

tutti sabato e domenica, alle ore 12
dai 12 anni, numero limitato di posti, su prenotazione a Le Nuvole 0812395653 (feriali 9/17) e biglietteria 08231831093 (festivi).

La mostra fotografica, documentaria e multimediale dal titolo “L’Appia ritrovata. In cammino da Roma a Brindisi” sancisce la riscoperta e la restituzione al Paese dell’intero percorso della prima grande via europea, da Roma a Brindisi, percorsa a piedi nell’estate 2015, a 2327 anni dall’inizio della sua costruzione da Paolo Rumiz, Riccardo Carnovalini, Alessandro Scillitani e Irene Zambon. Il loro itinerario – conclusosi il 13 giugno 2015 dopo 611 chilometri, 29 giorni di cammino e circa un milione di passi – ha consentito di tracciare finalmente il percorso integrale della madre di tutte le vie, dimenticata in secoli di dilapidazione, incuria e ignoranza. L’Appia.

Ora sono essi stessi a raccontare un’avventura che potremmo definire magnifica e terribile, terrena e visionaria, vissuta attraverso meraviglie ma anche devastazioni, sbattendo talvolta il naso contro l’indifferenza di un Paese cinico e prono ai poteri forti, ma capace di grandi slanci ospitali e di straordinari atti di resistenza “partigiana” contro lo sfacelo.

I quattro camminatori hanno voluto svolgere il viaggio sui muri della mostra come un rotolo di pergamena, capace di farci avanzare nel tempo e nello spazio allo stesso modo dei soldati di pietra sulla colonna traiana. Non si tratta dunque di un portale per lettori frettolosi, ma di un atto fisico di attraversamento, dove l’Incipit, più che libro, è corridoio, vestibolo d’ingresso, varco semibuio che porta a una caverna rilucente di tesori.

L’APPIA RITROVATA. IN CAMMINO DA ROMA A BRINDISI

Tutti i sabato e le domeniche alle ore 12 visite guidate gratuite alla mostra fotografica, documentaria e multimediale ‘L’Appia ritrovata. In cammino da Roma a Brindisi’ che resterà in programma fino a giovedì 25 marzo 2017 al Museo Archeologico dell’Antica Capua a Santa Maria Capua Vetere (CE).

in programma dal titolo la riscoperta e la restituzione al Paese dell’intero percorso della prima grande via europea, da Roma a Brindisi,

Un’avventura che potremmo definire magnifica e terribile, terrena e visionaria, vissuta attraverso meraviglie ma anche devastazioni, sbattendo talvolta il naso contro l’indifferenza di un Paese cinico e prono ai poteri forti, ma capace di grandi slanci ospitali e di straordinari atti di resistenza “partigiana” contro lo sfacelo.

Paolo Rumiz, Riccardo Carnovalini, Alessandro Scillitani e Irene Zamboni sono i protagonisti di questo viaggio, compiuto nell’estate 2015 e conclusosi il 13 giugno 2015 dopo 611 chilometri, 29 giorni di cammino e circa un milione di passi, che ha consentito di tracciare finalmente il percorso integrale della madre di tutte le vie, dimenticata in secoli di dilapidazione, incuria e ignoranza. L’Appia: la prima grande via europea, da Roma a Brindisi.

I quattro camminatori hanno voluto svolgere il viaggio sui muri della mostra come un rotolo di pergamena, capace di farci avanzare nel tempo e nello spazio allo stesso modo dei soldati di pietra sulla colonna traiana. Non si tratta dunque di un portale per lettori frettolosi, ma di un atto fisico di attraversamento, dove l’Incipit, più che libro, è corridoio, vestibolo d’ingresso, varco semibuio che porta a una caverna rilucente di tesori.

L’ingresso alla mostra è incluso nel biglietto di ingresso all’intero Circuito dell’Antica Capua.
Le visite guidate sono gratuite (dai 12 anni), per un numero limitato di spettatori e su prenotazione a Le Nuvole allo 0812395653 (feriali 9/17) o alla biglietteria dell’anfiteatro 08231831093.

Info sulle visite guidate al sito sono anche alla pagina ANFITEATRO E MITREO.

 

LAB…EFANA!!!

I comunicatori scientifici de Le Nuvole vi aspettano alla FESTA DELLA BEFANA venerdì 6 gennaio 2017 dalle ore 10 alla Città della Scienza (NA)
per giocare insieme con i laboratori:

EPIFANIA… E’ QUESTIONE DI CHIMICA
Dimostrazioni e curiosità sui doni preziosi dei re magi e quelli dolci della befana.

LA BEFANA A CAVALLO DI UNA … COMETA!
Che cos’è e di cosa è fatta una cometa? Dimostrazioni e esperimenti tra storia, leggenda e astronomia.

Vai alla proposta completa di LABORATORI, DIDATTICHE E PROGETTAZIONE PARTECIPATA de Le Nuvole Scienza

Info e prenotazione a 0817352220/222 e www.cittadellascienza.it

 

 

L’Appia ritrovata. In cammino da Roma a Brindisi

Tutti i sabato e domenica alle ore 12, fino al 25 marzo 2017, al Museo Archeologico dell’Antica Capua (S.Maria Capua Vetere, CE) visite guidate alla mostra fotografica, documentaria e multimediale L’APPIA RITROVATA. IN CAMMINO DA ROMA A BRINDISI di Paolo Ruiz e compagni.
Attività gratuita per un numero limitato di partecipanti (max 30 pax), nell’ambito dei servizi di visite guidate e attività didattiche gestiti in concessione dal Consorzio Arte’m, su prenotazione a Le Nuvole 0812395653 (feriali 9/17) o alla biglietteria del sito 08231831093 (festivi).

Un’avventura che potremmo definire magnifica e terribile, terrena e visionaria, vissuta attraverso meraviglie ma anche devastazioni, sbattendo talvolta il naso contro l’indifferenza di un Paese cinico e prono ai poteri forti, ma capace di grandi slanci ospitali e di straordinari atti di resistenza “partigiana” contro lo sfacelo.

La mostra è il racconto del viaggio intrapreso da Paolo Rumiz, Riccardo Carnovalini, Alessandro Scillitani e Irene Zamboni nell’estate 2015 e conclusosi il 13 giugno 2015 dopo 611 chilometri, 29 giorni di cammino e circa un milione di passi, che ha consentito di tracciare finalmente il percorso integrale della madre di tutte le vie, dimenticata in secoli di dilapidazione, incuria e ignoranza. L’Appia: la prima grande via europea, da Roma a Brindisi.

I quattro camminatori hanno voluto svolgere il viaggio sui muri della mostra come un rotolo di pergamena, capace di farci avanzare nel tempo e nello spazio allo stesso modo dei soldati di pietra sulla colonna traiana. Non si tratta dunque di un portale per lettori frettolosi, ma di un atto fisico di attraversamento, dove l’Incipit, più che libro, è corridoio, vestibolo d’ingresso, varco semibuio che porta a una caverna rilucente di tesori.

L’ingresso alla mostra è incluso nel biglietto di ingresso al sito pari a euro 2,50 per l’intero Circuito Antica Capua.
Per ulteriori informazioni sulle visite guidate al sito vai a ANFITEATRO E MITREO.

 

 

 

 

 

NUVOLA D’ACQUA E D’ARIA

28 ottobre 09:00 – 13:00, 14:00 – 17:00, 29 ottobre – 1 novembre 10:00 – 12:30, 14:30 – 18:30
Festival della Scienza_SEGNI (27.10/6.11_2016)

Un viaggio percettivo, gestuale che coinvolge i 5 sensi.
All’interno di una bianca nuvola di tessuto delicato… si ascolterà la storia di un volo e di un vento leggero… si racconterà di acqua e di aria, si andrà sui campi e sulle vette… per sapere del ciclo dell’acqua e del formarsi delle bianche nuvole… .

Nella nuvola vive un personaggio che monterà una storia in forma interattiva, parlerà di acqua e di aria, del volo che compiono le nuvole e comprendere quanto questo bene sia prezioso, oltre che così spesso trascurato e sottovalutato.

performance interattiva con Sandra Mouaikel, ideazione e testo Luciana Florio
approfondimento didattico a cura di Mariangela d’Aquino

vai alla scheda

galleria fotografica

La lezione-spettacolo, consigliata per bambini dai 3 agli 8 anni (durata 30 minuti + 20 min di approfondimento didattico) è disponibile tutto l’anno a richiesta per le scuole, teatri, musei o spazi alternativi.
INFO 0812395653 (feriali 9.00/17.00) [email protected]