IL GIARDINO DIPINTO

4>9 anni, scuole dell’infanzia e primaria (primo ciclo) posti limitati solo su prenotazione

>al Teatro dei Piccoli, Napoli *

  • domenica 13 novembre 2016 ore 11.00 e 12.00
    per la scuola: lunedì 14, martedì 15 novembre 2016 ore 9.30, 11.30 e 14.30

> vai alle date al Teatro Pasolini, Salerno

Intorno ad un cortile di luce colorata che ricorda un tappeto arabeggiante il pittore curdo Rebwar Saeed ci invita ad entrare nel suo giardino. E’ un posto speciale, dipinto con i suoi colori preferiti: il giallo (il giardino di terra), il blu (il giardino d’acqua), il verde (il giardino di foglie), il rosso (il giardino dell’amore).
E’ un giardino-gioco dove esplorare la bellezza della natura, i suoi elementi ed il sapore dell’infanzia. Sulla scena due danzatrici, vestite di giallo e di rosso si muovono sullo spazio ed interagiscono con immagini che appaiono sul tappeto grazie ad un gioco di proiezioni. Anche i bambini possono “disegnare” il loro giardino camminando o rotolando su questo tappeto sensibile. E’ un tappeto “magico”, sotto la superficie luminosa ci sono dei sensori collegati ad un computer che reagiscono al tatto.
I quattro giardini colorati si “aprono” con una danza e rivelano gli arabeschi di un giardino orientale. I bambini possono entrare, interagire con i suoni e le immagini ed il gioco si trasforma in esperienza percettiva, in un contatto ludico e originale con le arti.

Teatro visivo, emozionante, immersivo: negli spettacoli del TPO il protagonista è lo spazio scenico, le immagini, i suoni, i colori. Grazie all’uso di tecnologie interattive ogni spettacolo si trasforma in un ambiente “sensibile” dove sperimentare il confine sottile tra arte e gioco. Danzatori, performer e il pubblico stesso interagiscono insieme esplorando nuove forme espressive oltre le barriere di lingua e cultura. Il lavoro della Compagnia TPO è frutto della collaborazione di un team poliedrico e affiatato di autori provenienti da diverse discipline delle arti visive e performative. Gli spettacoli prodotti si caratterizzano per l’uso di proiezioni di grande formato, la creazione di ambienti teatrali immersivi e l’impiego di tecnologie interattive alcune delle quali specificatamente sviluppate dalla compagnia per i propri spettacoli.

Lo spazio scenico è concepito come ambiente dinamico e reattivo in grado di coinvolgere il pubblico in azioni individuali o di gruppo: è infatti dotato di sensori (touch pad, videocamere e microfoni), che permettono sia ai performer che al pubblico di modulare suoni o interagire con le immagini attraverso il movimento o la voce. Grazie a queste tecnologie vengono creati ambienti teatrali “sensibili” dove i bambini possono esplorare lo spazio e scoprire così che questo risponde in un “certo modo” alle loro azioni; si crea quindi una relazione attiva tra loro e la scena , una forma di dialogo con spazio, forme e suoni, che diventa esperienza artistica. Negli spettacoli del TPO il ruolo dei performer assume una valenza particolare: grazie agli effetti interattivi i danzatori “dipingono” e “suonano” in scena usando il corpo o il movimento ma soprattutto invitano i bambini ad esplorare lo spazio con un approccio teatrale che privilegia l’uso del corpo e dello sguardo.

uno spettacolo di TPO | direzione artistica Francesco Gandi, Davide Venturini | coreografia Anna Balducci, Luisa Cortesi | disegni Rebwar Saeed | visual design Elsa Mersi | sound design Spartaco Cortesi | computer engineering Rossano Monti, Martin Von Günten | voce fuori campo Caterina Poggesi | costumi Loretta Mugnai | oggetti di scena Livia Cortesi | collaborazione ai testi Stefania Zampiga.

 

teatro danza, teatro visivo su spazio scenico interattivo
50 minuti
*spettacolo abbinato alla Didattica della Visione: incontri con i docenti>merc.9 novembre e venerdì 18 novembre ore 16.30/19.30

tpo_il-giardino-dipinto_scheda

galleria fotografica

video

CACCIA AL REAL BOSCO DI CAPODIMONTE visita spettacolo

per tutti, dai 6 anni
sabato 6 maggio ore 15.00 e 17.00 – domenica 7 maggio 2017 ore 10.00 e 12.00

>anche per la scuola: mercoledì 3, giovedì 4, venerdì 5, lunedì 8, martedì 9, mercoledì 10, giovedì 11 e venerdì 12 maggio 2017 ore 9.30 e 11.30

Avete mai passeggiato nel Real Bosco di Capodimonte? Qui, tanti secoli fa, il re veniva a cacciare, a cavalcare, a divertirsi insieme alla sua corte e a mettere in mostra i tanti animali custoditi nelle gabbie e nelle grotte mimetizzate fra la fitta vegetazione. Qui si trovavano alberi di ogni specie, mediterranei ed esotici, vasti prati verdi e tanti piccoli edifici ad uso dei nobili e dei contadini che lavoravano le terre del re per produrre tutto ciò che serviva a corte. Ancora oggi questo bosco è un luogo magnifico, uno dei rari polmoni verdi della città di Napoli, un posto ricco di sorprese e magia, dove ci si può rilassare e divertire. Ma attenzione, perché in uno spazio così vasto ci si potrebbe perdere… Saremo noi a svelarvene segreti e bellezza, guidandovi in un percorso durante il quale, grazie agli strani personaggi incontrati, impareremo a capire e a rispettare la natura che ci
circonda. Se sarete bravi, riuscirete ad avere anche un’importante investitura: quella di guardiani e protettori del Real Bosco di Capodimonte!

Le Nuvole/Progetto Museo in collaborazione con Servizio Educativo del Museo e Real Bosco di Capodimonte | messa in scena di Fabio Cocifoglia

visita guidata con intervento teatrale
90 minuti

galleria fotografica

€ 8,00 a persona (adulti e bambini) con preacquisto obbligatorio su ww.etes.it o presso gli uffici Le Nuvole (via Cordoglio 104, a Città della Scienza, Napoli)

 

UN GIORNO IN BOTTEGA visita spettacolo

6>16 anni

> per le scuole: giovedì 23, venerdì 24, lunedì 27 e martedì 28 marzo 2017 ore 9.30 e 11.30
sabato 25 marzo 2017 ore 15.00 e 17.00

Il Museo di Capodimonte apre ai bambini e ai ragazzi la galleria di dipinti, per l’occasione regno di lavoro di due pittori d’altri tempi, per un viaggio fra le storie, i paesaggi, i personaggi, i volti che popolano le tele più significative dell’arte figurativa napoletana del seicento, tra barocco e naturalismo. In UN GIORNO IN BOTTEGA entreremo nella bottega di due pittori intenti a scegliere il soggetto dei loro dipinti ma soprattutto a individuare i modelli giusti per interpretare i protagonisti delle loro opere. Mescolando stoffe colorate, scovando oggetti di ogni genere in bauli abbandonati, i due pittori inviteranno il pubblico ad accettare il ‘gioco’ di interpretare, per un giorno, il ruolo di ‘modelli per l’arte’.
A conclusione della performance teatrale interattiva, accompagnati dallo storico dell’arte, intraprenderemo un viaggio alla scoperta dei mondi rappresentati nelle tele esposte nel museo. Un viaggio emozionale che vuole coniugare l’interesse per l’arte e la storia con le suggestioni appena sperimentate del teatro per un’esperienza sensoriale a tutto tondo.

I livelli di approfondimento della didattica museale varieranno a seconda della scolaresca, in funzione del grado di conoscenza di primarie, secondarie di primo e secondo grado.

Le Nuvole e Progetto Museo, in collaborazione con Servizio Educativo del Museo e Real Bosco di Capodimonte | messa in scena Fabio Cocifoglia| con Roberto Giordano e Enzo Musicò consulenza scientifica Maria Laura Chiacchio.

visita con spettacolo
90 minuti

UN GIORNO IN BOTTEGA_2016_2017
galleria fotografica

Euro 8,00 a persona_prenotazione e preacquisto obbligatori su www.etes.it o presso uffici Le Nuvole_ingresso al sito da pagare in loco (gratuito fino a 18 anni, ridotto 18|24).
Si consigliano abiti e scarpe comode. Il sito non dispone di guardaroba custodito, si chiede pertanto di non portare zaini e borse né scattare foto.

Sangue e arena visita spettacolo

dagli 8 anni, scuole primaria (ultimi anni) e secondarie

  • per la scuola giovedì 26 e venerdì 27 aprile 2018 + mercoledì 2, giovedì 3 e venerdì 4 maggio 2018 ore 9.30 e 11.30
    sabato 28 aprile ore 15.00 e 17.00 – domenica 29 aprile 2018 ore 10.00 e 12.00

I gladiatori – I diritti umani.
L’anfiteatro Campano di S. Maria Capua Vetere è stato sede della prima scuola gladiatoria di cui si ha notizia. L’addestramento dei gladiatori al combattimento nell’arena prevedeva severissime regole, con pene corporali molto dure.
Il protagonista, un saggio erborista, un personaggio senza tempo, racconterà le gesta e le sofferenze dei gladiatori; di Spartaco, il più famoso, passato alla storia per la rivolta da lui capeggiata, di Androclo e il suo leone, per finire con quella di Iqbal Masil, simbolo della schiavitù di oggi. Storie vere, a volte leggende, esperienze crudeli di schiavi antichi e non, cariche di sofferenza ma anche di sogni di riscatto.
La visita con incursioni teatrali nell’Anfiteatro Campano sarà occasione per conoscere storie e luoghi ma anche per emozionarsi quando, nell’arena, si leggeranno alcuni articoli della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo:
Art.1 Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.
Art.3 Ogni individuo ha diritto alla vita, alla libertà ed alla sicurezza della propria persona.
Art.4 Nessun individuo potrà essere tenuto in stato di schiavitù o di servitù; la schiavitù e la tratta degli schiavi saranno proibite sotto qualsiasi forma.

Le Nuvole in collaborazione con Direzione Museo Archeologico dell’Antica Capua
messa in scena di Fabio Cocifoglia; con Enzo Musicò; consulenza scientifica Maria Laura Chiacchio

visita guidata con interventi teatrali
90 minuti

€ 175,00 a gruppo_max 4 gruppi per fascia oraria_prenotazione e preacquisto obbligatori

Si consigliano abiti e scarpe comode. Il sito non dispone di guardaroba custodito, si chiede pertanto di non portare zaini e borse né scattare foto.

SCHEDA_Sangue e Arena

galleria fotografica

modulo_prenotazione_visita spettacolo_scuola_17_18

vai al programma YOUNG 2017/2018

LA GALLINELLA ROSSA

3>7 anni, scuole dell’infanzia e primaria (primo ciclo)

>al Teatro dei Piccoli, Napoli

  • per la scuola: martedì 11 e mercoledì 12 aprile 2017 ore 10.00

C’era una volta una gallinella rossa che viveva in una fattoria con i suoi pulcini…
Un giorno la gallinella rossa stava razzolando alla ricerca di cibo, quando trovò dei chicchi di grano. Così le venne in mente un’idea…

La gallinella è abituata a cercare grassi vermi sempre col pensiero di nutrire i suoi pulcini. Quando trova il chicco di grano capisce che può farne un uso diverso, un uso il cui risultato non è immediato ma che richiede lavoro, impegno, pazienza e che darà i suoi frutti.
Molte sono le varianti legate soprattutto ai personaggi del racconto, accanto alla gallina, sempre laboriosa e tenace, possiamo infatti trovare il maiale, il topo, l’agnello, l’anatra, il gatto, o altri animali di fattoria, ma tutti hanno un denominatore comune: nessuno di questi animali aiuterà la gallinella a preparare la terra, a piantare e innaffiare il grano, a mieterlo e trebbiarlo, a portarlo al mulino e a fare il pane. Tutti troppo pigri o troppo impegnati a fare altro. Solo nel finale, quando il pane viene sfornato caldo e profumato vorrebbero mangiarlo… .
Ogni bimbo nella sua esperienza di scuola materna vede germogliare il semino che ha innaffiato per un po’ di tempo nel terriccio dentro un bicchiere di plastica o un piccolo vasetto. Vede la piantina verde crescere e allungarsi verso la luce, oltre il semino che era. E poi, il pane, la farina impastata con l’acqua che si addensa in una pasta e lentamente, durante l’impasto, si stacca dalle mani e diviene una pallina o una piccola patata da mettere nel forno a cuocere.
I personaggi animati di questo lavoro hanno a che fare con questi processi, e ognuno di loro si presenta attraverso suoni differenti generati da strumenti od oggetti sonori che ne delineano la personalità e che si intrecciano con la presenza dell’attore che interpreta la storia.
Trama che narra il rapporto degli animali della fattoria con la gallinella che li sprona ad agire, e che, nonostante la loro indolenza e indifferenza, infine, li ritroverà uniti perché compresa la trasformazione a cui hanno assistito, sapranno mettere a frutto in modo collettivo l’esperienza che hanno vissuto.
La gallinella rossa è annoverata tra i racconti tradizionali inglesi anche se la sua vera origine potrebbe essere russa. Molto popolare quindi nei paesi di origine anglosassone, in Italia se ne trovano versioni differenti. I protagonisti della storia sono fortemente caratterizzati nelle loro debolezze che contrastano la virtù della gallina.
Temi base di questa storia: la collaborazione, l’amicizia, la tenacia, l’anticonformismo, l’etica del lavoro, l’iniziativa personale, ognuno deve compiere la sua parte se vuole godere di questo frutto, fare la propria parte significa rinunciare al proprio egoismo e unire le forze per realizzare qualcosa di più grande del proprio interesse personale.

uno spettacolo di TCP – Accademia Perduta |di Danilo Conti e Antonella Piroli | con Danilo Conti

teatro d’attore, pupazzi, oggetti musicali
50 minuti

galleria fotografica

video

IL PAESE SENZA PAROLE

7>12 anni, scuole primaria e secondaria I grado

>al Teatro dei Piccoli, Napoli*

  • per la scuola: giovedì 4 maggio 2017 ore 9.30 e 11.30 e venerdì 5 maggio 2017 ore 9.30

Nel paese dove vivono Philéas e Cybelle non si parla quasi mai: qui le parole vanno comprate e mica tutti i bambini possono permetterselo. Così Philéas, quando si innamora di Cybelle, non ha abbastanza soldi nel salvadanaio per dirglielo. Tre parole riesce a rubarle al vento, e poi ha con sé una parola speciale. Ma un giorno quel vento torna, più forte e… .
Uno spettacolo di narrazione e danza, un racconto sull’importanza delle parole e delle storie da poter raccontare, dove gli occhi e le orecchie possono immaginare mondi nuovi, emozioni che non sono visibili se non attraverso il corpo e il movimento.

uno spettacolo di Rosso Teatro – Atelier Teatro Danza| liberamente ispirato a “La grande fabbrica delle parole” di Agnes de Lestradecon Marianna Batelli e Alessandro Rossi | testo di Roberto Anglisani e Alessandro Rossi  | musiche originali Marcello Batelli | Coreografie Marianna Batelli  | costumi Mirella Salvischiani | regia: Roberto Anglisani

teatro di narrazione e danza
50 minuti
*spettacolo abbinato alla Didattica della Visione: incontri con i docenti martedì 11 aprile e venerdì 12 maggio ore 16.30/19.30

RossoTeatro_il paese senza parole_scheda

galleria fotografica

video

ARRIVI E PARTENZE ovvero storie in valigia

Teatro Pirata_Jesi (AN)

Sulla tratta ferroviaria Ancona-Roma, dai piccoli paesi delle Marche, fino agli anni Sessanta si potevano trovare dei particolari viaggiatori, “i corrieri”, che carichi di enormi valigioni prendevano il treno della notte per arrivare a Roma, in mattinata, consegnare le loro merci (uova, selvaggina, verdure, piccoli oggetti ecc.) ed essere poi di ritorno in serata. A loro è dedicato ed ispirato il nostro spettacolo. Attilio, l’ultimo corriere rimasto; tutti i giorni alla stessa ora va alla sua stazioncina carico di valigie, valigione, valigette, il suo lavoro è stato soppiantato dal moderno commercio, ma lui non disdegna di riaprire le sue valigie per raccontare le storie improbabili che vi sono racchiuse.

ideazione e interpretazione Gianfrancesco Mattioni
scenografia Marina Montelli

teatro d’attore e teatro di figura
durata 60 minuti
dai 3 anni

per saperne di più scarica le schede arrivi e partenze_artistica e arrivi e partenze_didattica

INFO BIGLIETTI
UNICO teatro 7 euro_prevendita su www.etes.it

BALLO A CORTE a Palazzo Reale

dai 3 anni al Palazzo Reale di Napoli

>festivi: sabato 10, lunedì 12, martedì 13 febbraio 2018 ore 15.00 e 17.00 – domenica 11  febbraio 2018 ore 12.00, 15.00 e 17.00

>per le scuole: lunedì 5, martedì 6, giovedì 8, venerdì 9, lunedì 12, martedì 13, giovedì 15, venerdì 16, lunedì 19, martedì 20, giovedì 22, venerdì 23, lunedì 26 e martedì 27 febbraio 2018 e giovedì 1, venerdì 2, lunedì 5, martedì 6, giovedì 8 e venerdì 9 marzo 2018 ore 9.30 e 11.30

Storico appuntamento a Palazzo Reale, dove Re Ferdinando di Borbone e la Regina Maria Carolina apriranno le sontuose stanze della loro dimora per il gran BALLO A CORTE che si terrà nel magnificente Salone d’Ercole, non prima di aver visitato le stanze ‘di etichetta’ del piano nobile, ovvero le sale destinate a cerimonie istituzionali e di rappresentanza. Lungo il percorso, accompagnati da uno storico dell’arte, incontreremo re Ferdinando intento a divorare il suo consueto babà e pronto a scappare per un’allettante battuta di caccia nel bosco e Maria Carolina ancora alle prese con la toeletta… .

In occasione del carnevale tutti i partecipanti, bambini e adulti che siano, potranno partecipare in maschera così come nei giorni feriali le scuole.
La visita guidata con incursioni teatrali è un’esperienza emozionante che coniuga l’arte e la storia con il teatro.
Un evento unico, divertente e coinvolgente, per conoscere la storia e il bellissimo Palazzo Reale di Napoli.

Le Nuvole/Progetto Museo| messa in scena di Fabio Cocifoglia | con Rosanna Gagliotti e Gaetano Nocerino | consulenza scientifica Maria Laura Chiacchio e Chiara Ruggiero | in collaborazione con la Direzione di Palazzo Reale

visita con incursioni teatrali
durata 80 minuti

Euro 8,00 a persona con prenotazione e preacquisto obbligatori (oltre ingresso al sito per i soli adulti il giorno di attività)

In occasione del Carnevale sarà possibile intervenire mascherati, si consigliano comunque abiti e scarpe comode. Il sito non dispone di guardaroba custodito.

SCHEDA_Ballo a corte

galleria fotografica

vai al programma YOUNG 2017/2018

BALLO A CORTE a Palazzo Reale

dai 3 anni al Palazzo Reale di Napoli

>festivi: sabato 10, lunedì 12, martedì 13 febbraio 2018 ore 15.00 e 17.00 – domenica 11  febbraio 2018 ore 12.00, 15.00 e 17.00

>per le scuole: lunedì 5, martedì 6, giovedì 8, venerdì 9, lunedì 12, martedì 13, giovedì 15, venerdì 16, lunedì 19, martedì 20, giovedì 22, venerdì 23, lunedì 26 e martedì 27 febbraio 2018 e giovedì 1, venerdì 2, lunedì 5, martedì 6, giovedì 8 e venerdì 9 marzo 2018 ore 9.30 e 11.30

Storico appuntamento a Palazzo Reale, dove Re Ferdinando di Borbone e la Regina Maria Carolina apriranno le sontuose stanze della loro dimora per il gran BALLO A CORTE che si terrà nel magnificente Salone d’Ercole, non prima di aver visitato le stanze ‘di etichetta’ del piano nobile, ovvero le sale destinate a cerimonie istituzionali e di rappresentanza. Lungo il percorso, accompagnati da uno storico dell’arte, incontreremo re Ferdinando intento a divorare il suo consueto babà e pronto a scappare per un’allettante battuta di caccia nel bosco e Maria Carolina ancora alle prese con la toeletta… .

In occasione del carnevale tutti i partecipanti, bambini e adulti che siano, potranno partecipare in maschera così come nei giorni feriali le scuole.
La visita guidata con incursioni teatrali è un’esperienza emozionante che coniuga l’arte e la storia con il teatro.
Un evento unico, divertente e coinvolgente, per conoscere la storia e il bellissimo Palazzo Reale di Napoli.

Le Nuvole/Progetto Museo| messa in scena di Fabio Cocifoglia | con Rosanna Gagliotti e Gaetano Nocerino | consulenza scientifica Maria Laura Chiacchio e Chiara Ruggiero | in collaborazione con la Direzione di Palazzo Reale

visita con incursioni teatrali
durata 80 minuti

Euro 8,00 a persona con prenotazione e preacquisto obbligatori (oltre ingresso al sito per i soli adulti il giorno di attività)

In occasione del Carnevale sarà possibile intervenire mascherati, si consigliano comunque abiti e scarpe comode. Il sito non dispone di guardaroba custodito.

SCHEDA_Ballo a corte

galleria fotografica

vai al programma YOUNG 2017/2018

BALLO A CORTE a Palazzo Reale

dai 3 anni al Palazzo Reale di Napoli

>festivi: sabato 10, lunedì 12, martedì 13 febbraio 2018 ore 15.00 e 17.00 – domenica 11  febbraio 2018 ore 12.00, 15.00 e 17.00

>per le scuole: lunedì 5, martedì 6, giovedì 8, venerdì 9, lunedì 12, martedì 13, giovedì 15, venerdì 16, lunedì 19, martedì 20, giovedì 22, venerdì 23, lunedì 26 e martedì 27 febbraio 2018 e giovedì 1, venerdì 2, lunedì 5, martedì 6, giovedì 8 e venerdì 9 marzo 2018 ore 9.30 e 11.30

Storico appuntamento a Palazzo Reale, dove Re Ferdinando di Borbone e la Regina Maria Carolina apriranno le sontuose stanze della loro dimora per il gran BALLO A CORTE che si terrà nel magnificente Salone d’Ercole, non prima di aver visitato le stanze ‘di etichetta’ del piano nobile, ovvero le sale destinate a cerimonie istituzionali e di rappresentanza. Lungo il percorso, accompagnati da uno storico dell’arte, incontreremo re Ferdinando intento a divorare il suo consueto babà e pronto a scappare per un’allettante battuta di caccia nel bosco e Maria Carolina ancora alle prese con la toeletta… .

In occasione del carnevale tutti i partecipanti, bambini e adulti che siano, potranno partecipare in maschera così come nei giorni feriali le scuole.
La visita guidata con incursioni teatrali è un’esperienza emozionante che coniuga l’arte e la storia con il teatro.
Un evento unico, divertente e coinvolgente, per conoscere la storia e il bellissimo Palazzo Reale di Napoli.

Le Nuvole/Progetto Museo| messa in scena di Fabio Cocifoglia | con Rosanna Gagliotti e Gaetano Nocerino | consulenza scientifica Maria Laura Chiacchio e Chiara Ruggiero | in collaborazione con la Direzione di Palazzo Reale

visita con incursioni teatrali
durata 80 minuti

Euro 8,00 a persona con prenotazione e preacquisto obbligatori (oltre ingresso al sito per i soli adulti il giorno di attività)

In occasione del Carnevale sarà possibile intervenire mascherati, si consigliano comunque abiti e scarpe comode. Il sito non dispone di guardaroba custodito.

SCHEDA_Ballo a corte

galleria fotografica

vai al programma YOUNG 2017/2018