Lotteria Nucleare

per tutti, dai 14 anni

visita spettacolo – teatro d’attore

“E se io incanalo questo vapore ottengo un getto caldo potentissimo,
un phon gigante con il quale far girare una turbina.
E la turbina quando gira che fa?
Produce energia elettrica, né più né meno di una dinamo di bicicletta.
Tutto qua.  A lei sembra normale aver paura di una pentola?”

testo di Francesco Feola

regia di Carlo Bellamio

con Enzo Musicò


didattica S. Fruguglietti
approfondimento scientifico e disegno luci Gaetano di Maso
oggetti di scena concessi dall’Ospedale Santobono

Info

Breve trama

Un ingegnere nucleare italiano di mezza età, scapolo incallito e un po’ cinico, è inviato a Cernobyl diciannove anni dopo l’incidente, per controllare la situazione. Sarà un’esperienza che lo cambierà radicalmente, imprimendo una svolta imprevista alla sua vita.
Il cinico ingegnere nucleare entra in scena, in uno spazio ibrido che è sottoscala, stanza d’ospedale ma anche cucina con tanto di pentole e fornelli e utensili. Mentre cucina racconta la sua storia personale e scopriamo qual è la vicenda inattesa, accaduta non a caso nei pressi di Cernobyl, che cambia radicalmente la sua monotona ed impassibile vita.

scheda artistica e tecnica

altre produzioni