• tempesta

    video

  • tempesta

  • tempesta

  • tempesta

TEMPESTA

La stanza blu

per tutti, dagli 8 anni

 

“Chiami bestia o selvaggio chi non parla la tua lingua.

Ma qual è il nome che dai a chi come te riduce in schiavitù?”

libero adattamento da “La tempesta” di William Shakespeare
adattamento e regia Rosario Sparno
con Massimiliano Foà, Luca Iervolino e Paola Zecca
una coproduzione Le Nuvole e Teatro Stabile di Napoli_La Stanza Blu


installazioni artistiche Antonella Romano
disegno luci Riccardo Cominotto
coordinamento scenotecnico Gaetano di Maso
assistente alla regia Henrike Beran
foto di scena Vincenzo Broccoli
grafica Sofia de Capoa

Info

Una tempesta di parole, ma anche di immagini e suoni ci portano sull’isola incantata di Prospero, un’isola in cui è rappresentata la storia del mondo, con i suoi giochi d’amore e potere in un infinito e circolare ripetersi.
Come in un sogno, o forse proprio sognando, il servo-mostro Calibano, lo schiavo, il deforme, il triste diavolo, la lenta tartaruga, il pesce crapulone, anela a nuove storie in cui le parole diventino strumento di libertà e magia. Parole che travolgono i protagonisti, gli attori e con loro i giovani spettatori.
La magia è il tema centrale visto che è il meccanismo più usato da tutti per comporre insieme la trama dello spettacolo. Il racconto ha inizio quando gran parte degli eventi sono già accaduti… Prospero rinuncerà alla magia con un famoso monologo, noto riferimento a Shakespeare che con quest’opera abbandona il teatro per riconciliarsi con se stesso e la società.

altre produzioni