Nov
6
Ven
LUCE_una mostra, uno spettacolo, tante storie

la mostra_LUCE_la scienza illumina

Un viaggio interattivo – fra arte e scienza – che fa della luce il punto di partenza per esplorare i temi della sostenibilità, dello sviluppo e dell’innovazione.
Tre macro-sezioni: ottica geometrica, ottica fisica e meccanica quantistica. Il percorso si completa  di installazioni interattive e performance artistiche.

lo spettacolo_CARAVAGGIO, la rivoluzione nell’arte [14>18 anni, durata 35′]

Buio,  il pubblico siede attorno ad una lunga tela nera.
Musica.
Un giovane uomo avanza alla sola luce di una lampada: gioca a creare – sul muro – quadri di ombre, che si stampano anche sui volti del pubblico. Il giovane evoca le ombre, le invita a “uscire dal nulla del buio”, a “entrare nel corpo della luce”. Le sprona a lasciare la loro inconfondibile impronta, così come fece il giovane Michelangelo… inizia un percorso che fa rivivere le tre fasi della vita artistica e spirituale dell’artista: della giovinezza, della crescita e della maturità.
Testi di Fabio Cocifoglia, con Rosario Sparno, disegno luci e selezione musicale Riccardo Cominotto.

tante storie_story telling

_ONDA O PARTICELLA, di cosa è fatta la luce [14>18 anni, durata 75’]

Dai primi esperimenti di Newton, fautore di una natura corpuscolare, con il prisma, agli esperimenti di interferenza di Young e di diffrazione di Huygens-Fresnel, utilizzando anche equivalenti meccanici ( dischi di Chladni) sostenitori di una teoria ondulatoria, la luce ha mostrato una duplice natura. Dunque onda o particella? O ondicella, termine coniato da Morlet e Grossman. Si parlerà e si mostrerà tanto della teoria ondulatoria con l’utilizzo ad esempio di semplici lampade e reticoli di diffrazione quanto di teoria corpuscolare con l’effetto fotoelettrico e la nascita della teoria dei quanti, usando oggetti comuni si determinerà la velocità della luce….si arriverà alla conclusione che la radiazione elettromagnetica si mostra alla nostra conoscenza con duplice natura e che se la indaghiamo come onda si mostra tale e se la indaghiamo come particella fa altrettanto….la natura della luce ci condurrà a scoprire la teoria della relatività generale e la straordinaria intuizione della curvatura dello spazio-tempo e, quindi, della luce.

_SE MI VUOI ATTRARRE DIMMI ALMENO IL PERCHE’[08>18 anni, durata 75’]

Le tappe fondamentali e gli esperimenti cruciali che hanno condotto l’uomo alla conoscenza e alla definizione di “fluido elettrico”, di carica elettrica e segno, per cui saranno indagati i fenomeni di elettrizzazione e la natura isolante e conduttrice dei corpi. Verranno riproposti semplici strumenti elettrostatici e attraverso l’esperimento di Oersted si stabilirà la connessione tra correnti elettriche e fenomeni magnetici, si parlerà dunque delle correnti indotte, dei motori elettrici e della levitazione magnetica, mostrandone semplici modelli di realizzazione ed i principi di funzionamento. Perché a volte scendendo dall’auto prendiamo la scossa, perché i nostri pigiami fanno scintille, come si generano i fulmini, che vuol dire essere delle masse, dei neutri e delle terre e perché non siamo magnetici?
LUCE 6.11.2015/10.01.2016
>festivi: integrato euro 10,00, ridotto euro 8,00 (tutte le domeniche ore 12.30)
>scuole: euro 10,00 (ingresso e visita guidata museo+luce+spettacolo)_durata 150 minuti; euro 8,00 (ingresso museo+visita guidata luce+story telling).

prenotazioni obbligatorie a [email protected] o a 081 7352 220_222
altre info su www.cittadellascienza.it 

logolucelucelogo

Dic
30
Ven
L’Appia ritrovata. In cammino da Roma a Brindisi
Dic [email protected]:31–16:31

tutti sabato e domenica, alle ore 12
dai 12 anni, numero limitato di posti, su prenotazione a Le Nuvole 0812395653 (feriali 9/17) e biglietteria 08231831093 (festivi).

La mostra fotografica, documentaria e multimediale dal titolo “L’Appia ritrovata. In cammino da Roma a Brindisi” sancisce la riscoperta e la restituzione al Paese dell’intero percorso della prima grande via europea, da Roma a Brindisi, percorsa a piedi nell’estate 2015, a 2327 anni dall’inizio della sua costruzione da Paolo Rumiz, Riccardo Carnovalini, Alessandro Scillitani e Irene Zambon. Il loro itinerario – conclusosi il 13 giugno 2015 dopo 611 chilometri, 29 giorni di cammino e circa un milione di passi – ha consentito di tracciare finalmente il percorso integrale della madre di tutte le vie, dimenticata in secoli di dilapidazione, incuria e ignoranza. L’Appia.

Ora sono essi stessi a raccontare un’avventura che potremmo definire magnifica e terribile, terrena e visionaria, vissuta attraverso meraviglie ma anche devastazioni, sbattendo talvolta il naso contro l’indifferenza di un Paese cinico e prono ai poteri forti, ma capace di grandi slanci ospitali e di straordinari atti di resistenza “partigiana” contro lo sfacelo.

I quattro camminatori hanno voluto svolgere il viaggio sui muri della mostra come un rotolo di pergamena, capace di farci avanzare nel tempo e nello spazio allo stesso modo dei soldati di pietra sulla colonna traiana. Non si tratta dunque di un portale per lettori frettolosi, ma di un atto fisico di attraversamento, dove l’Incipit, più che libro, è corridoio, vestibolo d’ingresso, varco semibuio che porta a una caverna rilucente di tesori.

Gen
7
Sab
L’Appia ritrovata. In cammino da Brindisi a Roma

tutti i sabato e domeniche fino al 25 marzo 2017, ore 12
visite guidate gratuite alla mostra fotografica, documentaria e multimediale L’Appia ritrovata. In cammino da Roma a Brindisi
in programma al Museo Archeologico dell’Antica Capua (CE) inclusa nel biglietto di ingresso al Circuito dell’Antica Capua

Un’avventura che potremmo definire magnifica e terribile, terrena e visionaria, vissuta attraverso meraviglie ma anche devastazioni, sbattendo talvolta il naso contro l’indifferenza di un Paese cinico e prono ai poteri forti, ma capace di grandi slanci ospitali e di straordinari atti di resistenza “partigiana” contro lo sfacelo.
Paolo Rumiz, Riccardo Carnovalini, Alessandro Scillitani e Irene Zambon nell’estate 2015 hanno percorso a piedi 611 chilometri, in 29 giorni e circa un milione di passi, riuscendo, così, a tracciare finalmente il percorso integrale della madre di tutte le vie, dimenticata in secoli di dilapidazione, incuria e ignoranza. L’Appia.
I quattro viaggiatori hanno voluto svolgere il viaggio sui muri della mostra come un rotolo di pergamena, capace di farci avanzare nel tempo e nello spazio allo stesso modo dei soldati di pietra sulla colonna traiana. Non si tratta dunque di un portale per lettori frettolosi, ma di un atto fisico di attraversamento, dove l’Incipit, più che libro, è corridoio, vestibolo d’ingresso, varco semibuio che porta a una caverna rilucente di tesori.

La mostra è a cura della Regione Campania, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo,  Polo museale della Campania, Scabec Spa, Società Geografica Italiana onlus e Festival della Letteratura di Viaggio. La mostra e le attività connesse, che interesseranno anche ulteriori siti lungo il percorso campano dell’antica Appia,  sono realizzate nell’ambito del progetto “Itinerari culturali e religiosi” programmato e finanziato dalla Regione Campania con fondi POC.

Visite guidate su prenotazione (numero limitato di partecipanti) a Le Nuvole allo 0812395653 (feriali 9/17) e alla biglietteria allo 08231831093 (festivi).
Consigliate a partire dai 12 anni, gratuite. Ingresso alla mostra gratuito, incluso nel biglietto di ingresso al Circuito Antica Capua (quando previsto).

scarica la locandina
]

 

Mag
24
Mer
Cantieri Viviani @ Castellammare di Stabia
Mag 24–Mag 28 giorno intero

Raffaele Viviani e il suo grande universo di musica e teatro sarà protagonista a Castellammare di Stabia, dal 24 al 28 maggio 2017, della prima edizione del “Festival Viviani”. Nel bellissimo spazio del Parco delle Antiche Terme di Stabia si svolgeranno le cinque giornate, tra incontri, mostre, concerti e spettacoli, che chiuderanno il primo percorso dei “Cantieri Viviani”, un progetto didattico, culturale e spettacolare,  sostenuto dalla Regione Campania, curato da Giulio Baffi e realizzato dalla Fondazione Campania dei Festival presieduta da Luigi Grispello, con la collaborazione del Comune di Castellammare di Stabia e Le Nuvole.

Prosa, musica, video, design, letture, incontri in campo per declinare il genio di Raffaele Viviani secondo gli umori e le differenze del nostro tempo:

  • mercoledì 24 e mercoledì 25 maggio ore 20.30 alle Antiche Terme prima nazionale dello spettacolo “La figliata” di Raffaele Viviani messo in scena per la regia di Nello Mascia. Il testo propone una sintesi efficacissima della poetica di Viviani accogliendo gli elementi più significativi della sua straordinaria drammaturgia.
  • mercoledì 24 maggio, ore 10, alle Antiche Terme Cantiere “Viviani in culla”, dedicato ai piccolissimi e le videoproiezioni della sezione “Videoapplausi! Il teatro di Raffaele Viviani nelle Teche Rai”, che propone in “non stop video” le commedie Napoli notte e giorno, L’ultimo Scugnizzo, Fatto di cronaca, Vetturini da nolo ed altri documenti concessi dalle Teche Rai
  • venerdì 26 maggio, ore 20.30, in Piazza Municipio e domenica 28 maggio, ore 12, alle Antiche Terme il concerto per Piccola Banda Urbana a cura di Ciro Riccardi e Antonella Monetti “Devoti a Viviani”
  • sabato 27 maggio, ore 17, concerto conclusivo del “Cantiere Guaglione” con gli allievi del Liceo Musicale Margherita di Savoia di Napoli
  • sabato 27 maggio, ore 19, recital “Guerra e pace” di e con Anna Spagnuolo
  • sabato 27 maggio, ore 21, Fonti Viviani” a cura di Pasquale Scialò, con la partecipazione di Tonino Taiuti, Lalla Esposito, Massimo Masiello ed Ingrid Sansone
  • domenica 28 maggio, ore 11, Viviani all’Opera dei Pupi” aneddoti, racconti, canzoni e pupi napoletani di e con Aldo de Martino e Violetta Ercolano con la partecipazione di Cristian Izzo, Anna Spagnuolo, Salvatore Torregrossa
  • domenica 28 maggio, ore 18.30, Stazione Viviani fermata via Gemito con Gabriele Saurio
  • domenica 28 maggio, ore 21, “Cosmopolita Napulitano” partenze, ritorni, incontri, scontri, incroci multietnici con l’Orchestra di Piazza Vittorio e la partecipazione straordinaria di Peppe Servillo.

  • 4 mostre: “Dal teatro al comics” prima fase di un progetto realizzato con la Scuola Italiana di Comics che trasporterà l’universo de L’ultimo scugnizzo e quello di Scalo marittimo di Viviani nei territori fantastici del disegno a fumetti I volti del genio” con dieci foto dell’attore Raffaele Viviani scelte da Giuliano Longoni Viviani – Oggi Viviani”, prodotta dal cantiere / laboratorio a cura della Cattedra di Fotografia di Aniello Barone Accademia BB AA di Napoli, che propone gli esiti di un percorso di ricerca di un gruppo di allievi dell’Accademia di Napoli chiamati a riflettere e documentare la persistenza di memorie, sulla continuità differente e sulle affinità esistenti oggi e presenti nei luoghi, nei volti, nei gesti di abitanti a Castellammare di Stabia – “Uomini e ferro: Castellammare, la fabbrica delle navi”, curata da Antonio Ferrara, Gino Coppola e Osvaldo Conte, racconta attraverso più di novanta immagini dell’Archivio fotografico Parisio e Troncone di Napoli (scattate a Castellammare di Stabia tra il 1928 ed il 1965),  la storia di gran parte dei vari effettuati dal più antico cantiere navale d’Italia (tuttora in attività), intrecciandone il racconto con i volti dei lavoratori che hanno realizzato veri e propri gioielli della marineria nazionale. Alla mostra, realizzata dall’azienda di Cura, Soggiorno e Turismo di Castellammare di Stabia in collaborazione con la locale ProLoco si collega anche l’incontro “I cantieri navali e la città”  in programma giovedì 25 alle ore 18.30

 

  • gli esiti dei tanti laboratori realizzati dallo scorso mese di marzo CANTIERI DIDATTICI, coordinati da Antonia Lezza, e CANTIERI MUSICALI, curati da Pasquale Scialò, nei giorni giovedì 25 e venerdì 26 (dalle ore 10 alle ore 13), nelle scuole di Castellammare di Stabia, a partire dall’Istituto Comprensivo Statale Di Capua, fino al Liceo Classico Plinio Seniore, passando per la Scuola Materna Primaria Basilio Cecchi, l’Istituto Comprensivo 2 Panzini, la Scuola Media Statale Stabiae, l’Istituto Tecnico Statale Renato Elia, l’IPSSEOA Raffaele Viviani, fino all’IIS Enzo Ferrari, che hanno coinvolto centinaia di studenti avvicinandoli, ciascuno secondo le proprie specificità nell’indirizzo dei relativi studi, all’opera del grande concittadino Raffaele Viviani.

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili. Per informazioni: tel. 081 19560383, online www.cantieriviviani.it ; email [email protected]

Giu
24
Sab
Premio Viviani 2017 a Gigi Proietti @ Castellammare di Stabia
Premio Viviani 2017 a Gigi Proietti @ Castellammare di Stabia | Campania | Italia

Gigi Proietti è il vincitore del Premio Viviani 2017, la consegna del premio avverrà con un evento allestito presso la Reggia di Quisisana (Castellammare di Stabia, NA) all’imbrunire, ovvero dalle ore 19, alla presenza di:

Vincenzo De Luca Presidente della Regione Campania
Antonio Pannullo Sindaco di Castellammare di Stabia
Luigi Grispello Presidente Fondazione Campania dei Festival
Giulio Baffi curatore del progetto Cantieri Viviani

e la Piccola Banda Urbana di Ciro Riccardi e Antonella Monetti  che regalerà al pubblico alcuni brani tratti dal repertorio “Devoti a Viviani”.

L’evento giunge a completamento della ricca programmazione della prima edizione del “Festival Viviani” dedicato a Raffaele Viviani e al suo grande universo di musica e teatro, protagonista a Castellammare di Stabia dal 24 al 28 maggio 2017 scorsi nel  bellissimo spazio del Parco delle Antiche Terme di Stabia con incontri, mostre, concerti e spettacoli, quale conclusione del primo percorso dei “Cantieri Viviani”, un progetto didattico, culturale e spettacolare,  sostenuto dalla Regione Campania, curato da Giulio Baffi e realizzato dalla Fondazione Campania dei Festival presieduta da Luigi Grispello, con la collaborazione del Comune di Castellammare di Stabia e Le Nuvole vai all’evento CANTIERI VIVIANI

L’ingresso è libero e consentito fino ad esaurimento dei posti disponibili.
Per informazioni: tel. 081 19560383, online www.cantieriviviani.it ; email [email protected]

INVITO WEB VIVIANI_24GIUGNO

Apr
18
Mer
SCIENZAINVIAGGIO eXperiscuola2018 @ I.C.Bolzano2
Apr 18 giorno intero

Torna, per il 5° anno consecutivo, presso l’Istituto Comprensivo Bolzano 2 la rassegna scientifica EXPERISCUOLA, nata da un’idea di Le Nuvole e direzione I.C. Bolzano II e la collaborazione dell’Intendenza Scolastica per la Provincia di Bolzano, che quest’anno ha per tema Ordine e Caos.

Nel pomeriggio di mercoledì 18 aprile, con apertura al pubblico dalle 15.00 alle 18.00 presso la scuola primaria “Langer” e dalle 16.00 alle 19.00 nella scuola primaria “Don Bosco”, ciascuna classe delle due primarie insieme anche alle studentesse e agli studenti delle classi prime della scuola secondaria “A. Negri” proporrà al pubblico di genitori e curiosi appassionati di scienza il proprio exhibit, frutto del lavoro sinergico svolto da ragazzi ed insegnanti nel corso dell’anno scolastico. Giovedì 19 e venerdì 20 aprile avranno luogo invece delle repliche dei laboratori rivolte alle alunne e agli alunni dell’Istituto Comprensivo.

Con un approccio assolutamente multidisciplinare, spaziando dall’ambito più strettamente scientifico-matematico a quello artistico-espressivo, la mostra indaga ORDINE E CAOS nelle varie accezioni storica, linguistica, scientifica, filosofica, meteorologica, psicologica, musicale e poetica perché la matematica e la cultura scientifica non rappresentano una Conoscenza a parte, ma una parte importante della Conoscenza che cammina insieme alla cultura umanistica.

 

 

I bambini ed i ragazzi imparano a scoprire com’è fatto e come funziona il mondo che li circonda – dichiara la Dirigente I.C. Bolzano II prof.ssa Carmela GrassoLe scoperte diventano testi, elaborati con i linguaggi a loro più congeniali: verbale, iconico, mimico-gestuale, mantenendo inalterati il rigore fondante del metodo scientifico, la specificità del lessico e la reale spiegazione dei fenomeni“.

 

 

Le scoperte, debitamente allestite colorando corridoi, atri, scale ed aule, saranno proposte alla visione della cittadinanza trasformando le sedi degli istituti scolastici in veri e propri science center curati dagli stessi bambini e ragazzi in collaborazione con il personale docente e ausiliario dell’intero Istituto per rendere affascinante la visita a questo luogo di scienza che è nato in città e che da momento di sensibilizzazione alla scienza punta ad essere luogo dove continuare a costruire cittadinanza (anche scientificamente) consapevole.

 

Un’occasione in cui la scuola, tra tecnologie e scienze, tra narrazione e rappresentazione, tra arte e astronomia, si apre alla città – conclude Salvatore Fruguglietti, responsabile progetti scientifici de Le Nuvole di Napoli – all’insegna del ‘se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se sperimento capisco’ per far comprendere con passione e naturalezza che la scienza è complessa ma non complicata e ci sono modi  in cui le meraviglie della scienza possono essere fruite in maniera ludica, chiara e gradevole“.

 

 

 

INFO https://experiscuola.jimdo.com/

 

Lug
20
Ven
Giffoni Street Fest 2018 @ Giffoni Valle Piana
Lug 20–Lug 28 giorno intero
Giffoni Street Fest 2018 @ Giffoni Valle Piana | Giffoni Valle Piana | Campania | Italia

Torna anche quest’estate il GIFFONI FILM FESTIVAL e con esso anche il ricco programma di laboratori, spettacoli, musica e divertimento del GIFFONI STREET FEST.

Il Giffoni Experience, negli ultimi anni, si è reinventato e rinnovato trasformandosi in un Festival “diffuso e condiviso”. 
Una formula vincente che ha riscosso successo ed ha avuto un’ottima ricaduta sul territorio. In questa 48esima edizione del festival, dedicato all’ACQUA, ospiti nazionali ed internazionali animeranno le strade e le piazze del bellissimo borgo di Giffoni sviluppato tutt’intorno alla Cittadella del Cinema per accompagnare il pubblico di piccoli e grandi in un’esperienza completa nell’arte con musica, spettacoli, circo urbano, equilibristi, giocolieri e tanto altro ancora in una rassegna dal 20 al 28 luglio con appuntamenti dal mattino fino a notte inoltrata.

Anche Le Nuvole dà il suo contributo all’evento seguendo da vicino le compagnie di artisti, performers e musicisti invitati ad entrare per questa stagione nella grande famiglia del GIFFONI STREET FEST grazie all’occhio attento e alla sensibilità profonda di Lea Mancino.

Un festival dai mille colori, dalle mille forme, dai mille sapori.
Un’esperienza ancora più globale e totalizzante, che non si ‘accontenta’ di parlare “solo” a bambini, ragazzi e giovani ma vuole dialogare con le famiglie, proponendosi come occasione di incontro condiviso e di intrattenimento che dilagherà nelle piazze, nelle strade, nei vicoli e nei parchi di Giffoni. Vi aspettiamo!!!

 

programma, foto e video, contatti su www.giffonifilmfestival.it

E segui su  tutte le novità in tempo reale alla pagina @GiffoniStreetFest

 

 

Nov
4
Dom
Domenicalmuseo tra archeologia e gioco @ Circuito Archeologico dell'antica Capua
Nov [email protected]:00–19:30
Domenicalmuseo tra archeologia e gioco @ Circuito Archeologico dell'antica Capua | Santa Maria Capua Vetere | Campania | Italia

Una Domenicalmuseo all’insegna della storia, dell’archeologia e del gioco è in programma il prossimo 4 novembre 2018 a Santa Maria Capua Vetere dove il pubblico di visitatori – ingresso gratuito al sito – potranno visitare dalle ore 11 l’Anfiteatro Campano, con i suggestivi sotterranei, e il Mitreo – al costo di €5 a persona (dai 12 anni) su prenotazione – con un percorso guidato a cura degli archeologi de Le Nuvole, concessionarie nell’ambito del Consorzio Arte’m net dei servizi per la didattica all’interno del circuito archeologico.

Sarà possibile inoltre proseguire, autonomamente, la visita nelle sale del Museo Archeologico dell’Antica Capua che ospita la mostra ANNIBALE A CAPUA, prorogata fino al 20 novembre 2018. Il progetto espositivo evidenzia il percorso di Annibale dai suoi inizi fino a Capo Lacinia, quando Scipione decide di spostare la guerra a Cartagine, con la famosa battaglia di Zama che segna la sconfitta di Annibale attraverso l’allestimento di oltre cento opere, pannelli esplicativi, suggestivi video ed elementi di multimedialità che rendono tutto estremamente empatico per il visitatore.

Proprio l’elefante da guerra, simbolo dell’impresa di Annibale Barca, noto al pubblico con il nome di Surus è divenuto la mascotte di ARTETECA LUDOTECHE MUSEALI uno spazio permanente di apprendimento e di gioco realizzato all’interno del Museo dell’Antica Capua per l’omonimo progetto selezionato da CON I BAMBINI Impresa Sociale nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. La ludoteca, aperta tutto l’anno con laboratori di manipolazione, disegno, teatro e motricità, ospita tutti i giorni bambini di età compresa fra i 3 e i 6 anni, che vivono in condizioni di povertà educativa e residenti a Santa Maria Capua Vetere.

In occasione di questa prima domenica del mese di novembre le porte della ludoteca, dalle ore 10 alle ore 13 resteranno aperte – con ingresso gratuito – anche per tutto il pubblico di bambini e ragazzi in vista al museo archeologico per lavorare insieme sulle emozioni. Lo spavento provato dai bambini che hanno osservato l’antefissa a testa di gorgone esposta nelle sale museali lascia il posto alla Vittoria, personificata dalla statua della Nike di Capua: è la felicità di raggiungere con gioia i propri obiettivi, piccoli o grandi che siano. I bambini potranno osservare da vicino e toccare la splendida statua che ornava l’Anfiteatro campano, altissima ma senza volto. E, per questo, toccherà a loro rappresentarlo. Quali sembianze potrà avere? Lo si potrà scoprire solo osservando i lavori dei ragazzi una volta conclusi.

“Il circuito archeologico dell’Antica Capua rivolge da anni insieme alla Cooperativa Le Nuvole la sua attenzione a programmi e progetti dedicati alle nuove generazioni- dichiara Ida Gennarelli, direttrice Museo Archeologico dell’Antica Capua- comprendendo il significato educativo di accostarsi in maniera ludica e sin dai primi anni di vita alle bellezze del nostro patrimonio, suscitando la curiosità dei più piccoli che, attraverso la narrazione degli oggetti esposti nei musei, entrano in contatto la Storia. Le attività realizzate nell’ambito ed in collaborazione con gli operatori della Cooperativa Città Irene che sono attivi nella ludoteca offrono l’occasione a tanti bambini e ragazzi, che diversamente non si sarebbero accostati a questo mondo, di entrare in contatto con l’arte e di vivere il museo come un luogo aperto dove divertirsi e, allo stesso tempo, riflettere e ritrovare noi stessi”.

DOMENICALMUSEO 4 novembre 2018 il programma:

>ore 10/13 attività laboratoriale a cura diARTETECA ludoteca museale (dai 3 anni)c/o Museo in via Roberto d’Angiò 45_gratuito a ingresso libero;

>ore 11 visita guidata ad Anfiteatro Campano e Mitreo (dai 12 anni)_€5 cad._su prenotazionea Le Nuvole 0812395653 (feriali 9/17) [email protected] biglietteria Anfiteatro 08231831093 (orari apertura);

>ore 9/19.30 ingresso gratuito al Circuito Archeologico dell’Antica Capua (accesso dalla biglietteria dell’Anfiteatro Campano c/o Piazza I Ottobre).

INFO:

[email protected] e alla pagina fb @teatrolenuvole

[email protected] e alla pagina fb @anticacapuacircuitoarcheologico e twitter @museosmcv

Giu
17
Mer
Madre Factory 2020 @ Museo Madre
Giu 17–Set 13 giorno intero

Una intera estate – dal 17 giugno al 13 settembre – dedicata all’ arte, solidarietà, collaborazioni, ecologia, in azioni pubbliche, momenti di
condivisione, didattica e progetti speciali nella proposta che Laura Valente ha ideato e messo insieme per questa seconda edizione di Madre Factory 2020 dedicata a GIANNI RODARI e realizzata, tra gli altri, in collaborazione con Le Nuvole di Napoli. Gratuita per il pubblico, inclusiva per tutti.

65 giorni di attività, 15 tipologie di workshop, 455 ore di inclusione, 20 operatori didattici coinvolti, 8 artisti da incontrare.

Il programma di incontri a cura della direttrice artistica Kathryn Weir con gli ospiti e le attività ispirate alle loro pratiche:

    • 17/20 giugno: i “Manifesti per una nuova ecologia” con il visual designer contemporaneo Armando Milani;
    • 24/27 giugno: la “Scatola magica” del fotografo Mario Spada;
    • dal 1 luglio: l’opera “Planting and plant love”, realizzata da Temitayo Ogunbiyi, animerà l’intero cortile del Museo Madre come un giardino che diventerà patrimonio collettivo;
    • 30 luglio: talk pubblico tra Paolo Mereghetti e Carlo Verdone, in occasione dell’opening della prima esposizione fotografica del regista, “Nuvole e colori”, curata dallo stesso Mereghetti e da Elisabetta Sgarbi in collaborazione con La Milanesiana. Ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi;
    • 5/8 agosto: “Articles of Faith” ovvero il rapporto con le credenze, l’enchantment e il rischio ecologico legato alla tossicità e all’industrializzazione nel lavoro di Alfredo & Isabel Aquilizan;
    • 2/5 settembre: “Madrefactory Reporter” con ospite Antonio Biasiucci per imparare ad osservare, per ampliare il proprio sguardo e per approfondire le tematiche dell’ambiente, dell’ecologia e del rapporto con il nostro pianeta.

L’edutainment articolato intorno al trinomio teatroartescienza che caratterizza da sempre Le Nuvole nella proposta di:

    • workshop per bambini, dai 5 ai 12 anni, organizzati in cicli settimanali, dal mercoledì al sabato, con due turni – dalle ore 10.00 alle ore 13.00 e dalle ore 16.00 alle ore 19.00 – gratuiti con prenotazione a 0812395653 (feriali 9/17) e [email protected];
    • tempo libero della domenica dedicato a bambini e ragazzi, insieme alle proprie famiglie, non iscritti al programma settimanale con exhibit e performance ad hoc per un pubblico trasversale;
    • speciale narrazione teatrale, che coinvolge operatori dello spettacolo campano, vedrà più di 1.000 storie raccontate, contenute in 5 produzioni di teatro, danza, musica e giocoleria incentrate su Rodari in scena il sabato, per gli ospiti settimanali, e la domenica per il pubblico libero.

Tutte le attività saranno coadiuvate dalla Cooperativa “Il Tulipano” per il supporto ai bambini con bisogni speciali, previa prenotazione.

Special event: tre appuntamenti – il 25 giugno, il 23 luglio e il 27 agosto – con Ciro Oliva, proprietario della pizzeria Concettina ai 3 Santi, dalle 18.00 alle 19.00, per impastare insieme ai bimbi e alle loro famiglie acqua, farina, lievito per un’esperienza di storia e tradizione da portare a casa, far lievitare e mangiare insieme!!!

Cs Madre Factory 2020 – dal 17 giugno al 13 settembre

Giu
28
Dom
Le storie di Cipollino @ Museo Madre
Le storie di Cipollino @ Museo Madre | Napoli | Campania | Italia

Uno spettacolo di narrazione ed animazione che ripropone il romanzo rodariano degli anni ’50 LE AVVENTURE DI CIPOLLINO nella personale lettura di Enzo Musicò.

E’ il protagonista, Cipollino in persona, a chiedere ad una fanciulla di raccontare ai bambini e ai ragazzi la sua storia. Comincia così un viaggio in una città abitata da vegetali e frutti antropomorfi dove il Principe Limone opprime tutti con le sue regole insensate. Situazioni al limite del grottesco risolte da un Cipollino capopopolo che a colpi di scherzi e beffe, senza mai ricorrere alla violenza, e soprattutto con il coinvolgimento del pubblico riuscirà a sovvertire l’ordine delle cose. Sor Zucchina, le contesse del Ciliegio, cavalier Pomodoro, Talpa esploratrice e Ragno zoppo sono solo alcuni dei personaggi che, già solo dal nome, raccontano il fantastico e simbolico mondo di Gianni Rodari che si esprime con la semplicità dei piccoli per parlare dei temi dei grandi.

In scena Rosanna Gagliotti e Francesco Di Gennaro insieme a Cipollino, pupazzo altezza uomo animato a piede ideato e realizzato da Fabio Lastrucci. Una produzione Casa del Contemporaneo.

La performance teatrale sarà presentata in occasione di MADRE FACTORY 2020, al Museo Madre di Napoli, dedicata alla poetica di Gianni Rodari.

sabato 27 giugno e sabato 4 luglio e 1 agosto proposto agli ospiti settimanali della Factory a conclusione del loro percorso, le domenica mattina 28 giugno, 5 luglio, 2 agosto nelle repliche riservate ai bambini del turno singolo con le famiglie dalle ore 10 alle ore 13.

evento gratuito per il pubblico, sempre su prenotazione allo 0812395653 e [email protected] (feriali 9/17).

Lug
19
Dom
Girotondo intorno al mondo @ Museo Madre
Girotondo intorno al mondo @ Museo Madre | Napoli | Campania | Italia

Una performance teatrale con musica dal vivo.

“Noi dobbiamo inventarci una storia, e come in tutte le storie c’è una principessa. Una principessa triste che bisogna trovare il modo di far sorridere…”. Comincia così un racconto, che nessuno sa bene lungo quali sentieri andrà a disegnarsi, come andrà a finire e se mai finirà. A giocare con le parole, anzi a giocare con le lettere, Gianni Rodari ci ha insegnato che in un attimo ci si ritrova in un luogo e poi in un altrove. Non c’è nulla di già scritto o di già raccontato che non possa essere raccontato ancora una volta in modo del tutto differente.
A partire da filastrocche come CI VUOLE UN FIORE o IL CIELO E’ DI TUTTI, proposte attraverso la chitarra classica, animano l’interazione con il pubblico con il quale scriveremo questo nostro racconto dove ciascuno è un pò narratore e un pò protagonista.

In scena Sandra Mouaikel e Ivan Nocera con la partecipazione di Mathilde Kabore, che partecipa al laboratorio teatrale che Le Nuvole/Casa del Contemporaneo ha attivo in collaborazione con la Fondazione Aniello Raucci O.N.L.U.S. – messa in scena Fabio Cocifoglia – allestimento Carla Merone. Una produzione Casa del Contemporaneo.

La performance teatrale sarà presentata in occasione di MADRE FACTORY 2020, al Museo Madre di Napoli, dedicata alla poetica di Gianni Rodari.

sabato 18 luglio e sabato 8 e 29 agosto proposto agli ospiti settimanali della Factory a conclusione del loro percorso, le domenica mattina 19 luglio, 9 e 30 agosto nelle repliche riservate ai bambini del turno singolo con le famiglie dalle ore 10 alle ore 13.

evento gratuito per il pubblico, sempre su prenotazione allo 0812395653 e [email protected] (feriali 9/17).

Lug
26
Dom
C’era due volte… @ Museo Madre
C'era due volte... @ Museo Madre | Napoli | Campania | Italia

Uno spettacolo dedicato a tutti quei fiumi che scorrono verso la montagna “in direzione ostinata e contraria…”.

In scena due personaggi, il barone Lamberto ed il suo maggiordomo Anselmo. E’ quest’ultimo a raccontare la storia del Barone che visse due volte e a svelare il segreto che lo fa ringiovanire: “l’uomo il cui nome è pronunciato resta in vita.”

Il Barone Lamberto ha 93 anni suonati  ed è il proprietario di 24 banche, ha molti soldi e un titolo nobiliare. Può comprare ogni cosa, ma desidera solo una rinnovata vitalità, una seconda opportunità per abbandonare il losco ambiente degli affari che affatica il suo corpo e la sua mente e studiare come artista di un circo equestre!

Al principio della storia il Barone Lamberto è quindi  un uomo vecchio e malato, ma alla fine si ritrova nei panni di un  bambino dalle idee molto chiare e decisamente rivoluzionarie. Ma soprattutto impara a decidere da solo.

Una favola al contrario e, come dice Rodari, ‘se non siete soddisfatti del finale della storia, ognuno di voi può cambiarlo a suo piacere, aggiungendo al racconto un capitolo o due. O anche tredici. 
Mai lasciarsi spaventare dalla parola fine.

In scena Luca Iervolino e Francesco Russo – adattamento e regia Rosario Sparno – costumi Alessandra Gaudioso. Una produzione Casa del Contemporaneo.

La performance teatrale sarà presentata in occasione di MADRE FACTORY 2020, al Museo Madre di Napoli, dedicata alla poetica di Gianni Rodari.

sabato 25 luglio, sabato 22 agosto e sabato 5 settembre proposto agli ospiti settimanali della Factory a conclusione del loro percorso, le domenica mattina 26 luglio, 23 agosto, 6 settembre nelle repliche riservate ai bambini del turno singolo con le famiglie dalle ore 10 alle ore 13.

evento gratuito per il pubblico, sempre su prenotazione allo 0812395653 e [email protected] (feriali 9/17).

Set
6
Dom
Pulcinella che passione @ Museo Madre
Pulcinella che passione @ Museo Madre | Napoli | Campania | Italia

Il solito Pulcinella ne ha combinata un’altra delle sue!

Dopo aver mangiato e bevuto a sazietà in un’osteria, è andato via senza pagare ed ora dovrà vedersela con un oste arrabbiatissimo disposto ad inseguirlo ovunque pur di avere il denaro che gli spetta. Anzi riuscirà a fare meglio, per essere sicuro di trovarlo, l’oste si farà accompagnare da un impettito Brigadiere che, lanciandosi in un rocambolesco inseguimento con Pulcinella, finirà addirittura in ospedale dove un Medico Chirurgo si prenderà cura di lui. Ma i guai per Pulcinella non sono certo finiti, anzi, per assicurarsi di aver seminato definitivamente i suoi inseguitori, cercherà rifugio in uno strano palazzo tutto polveroso: il palazzo dell’Orco Belzebò. Riuscirà Pulcinella a scampare anche a questo pericolo e a tornare, finalmente dalla sua amata Palummella?

crediti artistici:
una produzione Le Nuvole/Casa del Contemporaneo
con Antonello Furmiglieri – burattini Antonello Furmiglieri – luci e audio Riccardo Cominotto

La performance teatrale sarà presentata in occasione di MADRE FACTORY 2020, al Museo Madre di Napoli, dedicata alla poetica di Gianni Rodari.

sabato 5 settembre proposto agli ospiti settimanali della Factory a conclusione del loro percorso, la domenica mattina 6 settembre nella replica riservata ai bambini del turno singolo con le famiglie dalle ore 10 alle ore 13.

evento gratuito per il pubblico, sempre su prenotazione allo 0812395653 e [email protected] (feriali 9/17).

 

Set
26
Sab
Giornate Europee del Patrimonio al MADRE @ Museo Madre
Giornate Europee del Patrimonio al MADRE @ Museo Madre | Napoli | Campania | Italia

Dopo il successo dell’esperienza condivisa quest’estate per la Madre Factory 2020 in sinergia con la Direzione del Museo Madre tornano i laboratori di teatro arte e scienza al museo in occasione delle GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO:

2 giorni di apertura straordinaria – anche serale, tipologie di workshop, 2 opere site specific da conoscere e ammirare.

Il programma delle due giornate prevede visite guidate e laboratori alle opere realizzate site specific da Temitayo Ogunbiyi e da Alfredo & Isabel Aquilizan nel corso dell’estate dei ragazzi da prenotare nelle seguenti date e orari:

  • sabato 26 settembre ore 19.30 e 21.00
  • domenica 27 settembre ore 11 e 12.30

Per accedere l’ingresso è gratuito, ma i posti sono limitati e dunque su prenotazione allo 0812395653 (feriali 9/17) e alla mail [email protected]

NON MANCATE!!!

 

 

Dic
26
Sab
Science and Art lab al GIFFONI 50 Winter Edition @ on line su www.vivogiffoni.it

Il tema della proposta di laboratori a cura de Le Nuvole per Vivo Giffoni StreetOnWeb – Winter Edition 2020è teatroartescienza: scritto tutto attaccato, pronunciato tutto d’un fiato. E’ la storia che da oltre 35 anni racconta Le Nuvole e soprattutto le persone, i professionisti della comunicazione della scienza, della didattica museale, delle arti performative che la raccontano ogni giorno in molti luoghi come Città della Scienza e Museo Madre, eccezionalmente “aperti al pubblico di ragazze e ragazzi del Giffoni Film Festival” con l’occasione di questi due virtual lab tour d’arte e scienza.

 

  • lunedì 28 dicembre ore 15:30 + 10 elements

SPAZIO LAB SCIENZA

in diretta da Città della Scienza, Napoli, a cura dei comunicatori della scienza de Le Nuvole

Scendendo dalla collina di Coroglio, lanciando lo sguardo verso il mare che circonda Nisida attraversiamo il giardino e l’orto didattico dello Science Center di Bagnoli (Napoli) per entrare negli spazi espositivi di CORPOREA, il primo museo interattivo del corpo umano. Qui fra exhibit e modelli scientifici tridimensionali incontriamo Mariangela D’Aquino, comunicatrice della scienza de Le Nuvole, che intorno ad un tavolo laboratorio multimediale con microscopi, provette e pipette condurrà il pubblico in un gioco-racconto scientifico alla scoperta di frutta, verdura e tanto altro.

Tre esperimenti in un crescente livello di difficoltà: partendo da un semplice esperimento sulla densità, si passerà ad indagare il comportamento di un indicatore di pH del tutto naturale per finire con l’estrazione del DNA. Cavolo, aceto, bicarbonato, banane per scoprire che per fare scienza basta fare un salto dal fruttivendolo!

E se si vuol partecipare e non solo “stare a guardare” ecco i materiali che occorre procurarsi prima di accedere alla diretta da Città della Scienza:

👉per Esperimento 1°:
contenitore grande contenente acqua e due mandarini;
👉 per Esperimento 2°:
succo di cavolo rosso*, due bicchieri con acqua, aceto (o limone) e bicarbonato;
👉per Esperimento 3°:
una banana, acqua, sale, succo di ananas, detersivo, alcol denaturato al 90 % (quello di colore rosa), due/tre bicchieri, un colino (facoltativo) e un cucchiaino.
*ATTENZIONE: per ottenere il succo di cavolo rosso (Brassica oleracea) serve assolutamente l’aiuto di un adulto 😉:
con il coltello tagliare a metà il cavolo rosso ed eliminare la parte bianca inferiore, ridurre a pezzettini la metà del cavolo rosso; prendere una pentola piena di acqua ed immergervi i pezzettini di cavolo rosso prima di metterla sul fuoco per 30 minuti circa (ovvero fino a bollitura) e filtrare il liquido per ottenere il succo di cavolo rosso 💪
In questo modo il laboratorio è già iniziato!!!

 

  • martedì 29 dicembre ore 18:30 + 6 elements

SPAZIO LAB ARTE – MADRE FACTORY

in diretta dal Museo Madre Napoli, con la sezione didattica del Museo Madre in collaborazione con Le Nuvole Arte

Dal cuore del centro storico di Napoli varcando il portone di Palazzo Donnaregina, divenuto culla feconda della proposta permanente d’arte contemporanea della città partenopea, in compagnia di Claudio Baccanico entreremo negli spazi riservati, in questo periodo, alla mostra “Alessandro Mendini, piccole fantasie quotidiane”.

A partire dall’osservazione dei bozzetti preparatori delle opere dell’architetto e designer, andremo alla scoperta del significato della parola architettura intorno alle suggestioni di Nuove Città Quotidiane per guardare al mondo che ci circonda – dalla natura alla città – ed infine realizzare con la tecnica del collage una nostra propria architettura urbana.

Ripercorrendo le opere in mostra attraversiamo infatti Napoli in un percorso visivo che unisce e mette in relazione la numerosa produzione di Mendini ma l’ispirazione per questa nostra proposta di lavoro insieme ai ragazzi passerà anche attraverso architetture reali o ipotetiche tratte da diversi film.

Per il pubblico che vorrà seguire la diretta potrebbe risultare utile avere pronto questo materiale prima di iniziare:

 

Feb
1
Lun
eXperiscuola2021 web edition @ on line
Feb 1–Apr 9 giorno intero

Torna, per l’8° anno consecutivo, presso l’Istituto Comprensivo Bolzano 2 il progetto di didattica partecipata eXperiscuola, nato da un’idea di Le Nuvole e I.C. Bolzano II e la collaborazione dell’Intendenza Scolastica Italiana della Provincia di Bolzano. Il tema di quest’anno è labellezza!

“La conoscenza ha dei limiti, ma non la bellezza che, abbracciando il mondo intero, è in grado di stimolare il progresso e far nascere l’evoluzione.” Albert Einstein

A partire da lunedì 1 febbraio – e fino al 9 aprile 2021 – tutti i giorni su ClassRoom in diretta dagli uffici di via Coroglio, Napoli, i comunicatori de la scienza de Le Nuvole condurranno oltre 100 laboratori e percorsi di didattica integrata su 7 tematiche principali: i cinque sensi, il corpo umano, il mondo animale, il mondo vegetale, la linea del tempo, lo spazio, la geometria dei solidi e delle figure piane declinati nei linguaggi e nelle metodologie più adatte alle diverse classi dell’Istituto Comprensivo Bolzano 2 coinvolte nel progetto ovvero le primarie della Don Bosco e Langer e le secondarie di primo grado Ada Negri.

Il progetto – attivo dal 2013 – vede studenti e docenti quotidianamente coinvolti – durante il regolare percorso curricolare – nello sviluppo di testi ed elaborati dai linguaggi a loro più congeniali, dal verbale all’ iconico al mimico-gestuale, intorno ad un tema unico, mantenendo inalterati il rigore fondante del metodo scientifico, la specificità del lessico e la reale spiegazione dei fenomeni. Quest’anno proveremo a indagare le ragioni della bellezza. Il metodo è e resta quello scientifico non foss’altro perché condividiamo l’idea di Richard Feynmann che sia proprio la scienza a permetterci di vedere “nel fiore molte più cose di quante ne possano vedere gli altri”. È questa la scienza che vogliamo raccontare, quella che contribuisce ad accrescere l’emozione che ci accompagna quando osserviamo la realtà.

Con un approccio assolutamente multidisciplinare, spaziando dall’ambito più strettamente scientifico-matematico a quello artistico-espressivo, si indagherà la BELLEZZA nelle varie accezioni storica, linguistica, scientifica, filosofica, meteorologica, psicologica, musicale e poetica perché la matematica e la cultura scientifica non rappresentano una Conoscenza a parte, ma una parte importante della Conoscenza che cammina insieme alla cultura umanistica.

Riferisce Salvatore Fruguglietti, responsabile dei progetti scientifici de Le Nuvole:

Per l’attivazione a distanza dei laboratori abbiamo lavorato alla riorganizzazione di parte degli uffici di via Coroglio in sala registrazione, allestito un tavolo laboratoriale multimediale con strumentazione scientifica e tecnica per consentire le dirette con le scuole di Bolzano senza sacrificare la fruibilità degli esperimenti e la partecipazione dei ragazzi. In questo la bellissima esperienza di allestimento della Escape Room sulla Tavola Periodica nello spazio F2 Lab di Città della Scienza per Futuro Remoto 2019 – e chiusa solo a causa della pandemia – ha molto aiutato per individuare le soluzioni più adatte allo scopo. È indubbio che – con questo metodo – del motto che abbiamo fatto nostro ‘se ascolto dimentico, se vedo ricordo, se sperimento capisco’ il vietato non toccare sarebbe potuto venir meno. Non sarà così, grazie alla preziosa collaborazione dei docenti che – sostenuti dai Diari di percorso, supporti didattici ideati e progettati sempre dai nostri comunicatori della scienza – potranno allestire in aula elementi essenziali per la partecipazione alle attività”.

 

Le conclusioni del lavoro dell’intero anno scolastico dovrebbero – ed il condizionale quest’anno è d’obbligo – tradursi in tarda primavera in una 3 giorni di open day con spettacoli, exhibit e dimostrazioni condotte personalmente dai bambini e dai ragazzi ed indirizzati ad un pubblico di altri studenti di altre scuole e agli adulti. Studenti giovani e giovanissimi che diventano scienziati, comunicatori ed artisti mentre la scuola si trasforma in un Science Center reale o virtuale, vedremo poi.

Grazie all’impegno di tutti gli attori coinvolti, siamo riusciti quest’anno a non rinunciare al progetto eXperiscuola, nonostante le limitazioni imposte dalla pandemia – conclude Chiara NocentiniDirigente Scolastico Istituto Bolzano II – Un risultato di cui siamo orgogliosi, perché questo progetto è una colonna portante della nostra offerta formativa e fin dalle sue prime edizioni ha suscitato grande entusiasmo in tutti gli alunni dell’Istituto, contribuendo a sviluppare curiosità per i fenomeni che ci circondano, spirito di iniziativa, capacità di osservazione e di interpretazione della realtà. Un entusiasmo che naturalmente ha sempre coinvolto anche gli insegnanti e le famiglie degli alunni. Le condizioni attuali non permettono uno svolgimento in presenza delle attività, ma siamo certi che anche attraverso i collegamenti online degli esperti sarà possibile ricreare la motivazione per l’esplorazione e per la scoperta che da sempre caratterizzano il progetto e coinvolgere gli alunni in situazioni di apprendimento attivo e significativo. Grazie quindi a Salvatore Fruguglietti, responsabile dei progetti scientifici de Le Nuvole, ai comunicatori della scienza che coinvolgeranno i nostri alunni, anche se a distanza, in entusiasmanti percorsi di scoperta, e a tutti gli insegnanti che hanno portato avanti il progetto con grande convinzione e professionalità; una dimostrazione che la passione per la scienza e per la conoscenza può superare i limiti imposti dalla situazione contingente e che una didattica interattiva e coinvolgente è possibile anche in tempi difficili come questi.”

INFO

Il progetto eXperiscuola può essere replicato – come formula – anche in altre scuole di altre città, per maggiori informazioni è possibile inviare una email a [email protected] e – per un primo approccio – consultare il catalogo per la scuola on line al link le Nuvole Scienza.it

Per altre info su eXperiscuola è possibile connettersi a www.icbolzano2.it/experiscuola e www.subzero.bz.it

COMUNICATO STAMPA

 

 

Giu
6
Dom
Il mondo di Oscar @ Pineta del Teatro dei Piccoli
Giu [email protected]:30–18:00
Il mondo di Oscar @ Pineta del Teatro dei Piccoli | Napoli | Campania | Italia

Oscar è un grande piccolo uomo che non ha mai rinunciato a sognare. Vive in una specie di circo dove i suoi giochi a molla, a spinta, a corda prendono vita per raccontare brevi storie e strabilianti numeri di destrezza, in un’affascinate giostra dove elefanti, lumache, ragni, pinguini acrobati, foche giocoliere, scimmie dispettose, motoristi pazzi e altro ancora si alterneranno sulla pista di un circo in miniatura.

L’abilità e l’eccentricità di Silvano Fiordelmondo condurranno gli spettatori, tra gag e trasformazioni, in questo carosello la cui colonna sonora è costituita da una ricercata selezione di musiche bandistiche.  Le scene, curatissime e colorate, sono di Marina Montelli, scenografa storica della compagnia. Gli animali fanno parte della collezione di giochi di latta dell’Associazione Teatro Giovani Teatro Pirata.

Inventare storie con i giocattoli è quasi naturale, è una cosa che viene da sola se si gioca con i bambini: la storia non è che un prolungamento, uno sviluppo, un’esplosione festosa del giocattolo. Gianni Rodari La Grammatica della Fantasia

La visione di questo spettacolo ci permetterà di entrare nel mondo del gioco/giocattolo che diventa testo narrativo e pretesto drammaturgico. È la dimostrazione che il teatro fonda la sua visione nell’immaginare “un mondo che rifiuta il codificato… senza lasciarsi inibire dai conformismi”. È l’applicazione rodariana ad una fantastica presente nell’oggetto che si anima.

teatro d’attore, mimo, giocattoli – dai 3 anni
ideazione e regia Francesco Mattioni e Silvano Fiordelmondo
con Silvano Fiordelmondo; scenografie Marina Montelli; produzione ATGTP

 

Lo spettacolo è inserito nella rassegna TEATRO DEI PICCOLI open air, manifestazione che aderisce al progetto LA CAMPANIA E’. Un’ora prima dell’inizio di ciascuna replica degli spettacoli in rassegna, nella pineta del teatro, saranno attivati laboratori a tema scientifico a cura dei comunicatori della scienza de Le Nuvole inclusi nel biglietto d’ingresso.

Sia l’accesso alla struttura che la fruizione delle attività sono strettamente vincolati al rispetto delle norme per il contenimento del contagio da Covid 19.

Biglietteria:
ingresso € 7,00 (unico laboratorio + spettacolo) con PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA al tel. 327 0795871
apertura biglietteria: 90 minuti prima dell’orario di inizio spettacolo
inizio laboratorio: 60 minuti prima dell’inizio spettacolo

Come arrivare:
– con auto ingresso consigliato da Via Terracina n.197, Quick Parking
– ingresso pedonale viale Usodimare

Social:
FB/ teatrodeipiccolinapoli

 

 

 

Giu
13
Dom
Canzoncine un pò bambine @ Pineta del Teatro dei Piccoli
Giu [email protected]:30–18:00
Canzoncine un pò bambine @ Pineta del Teatro dei Piccoli | Napoli | Campania | Italia

Una carrellata di canzoni, filastrocche musicate originali, scritte cantate e recitate da Silvano Antonelli per e sull’infanzia, che prendono spunto dalla vita e dai pensieri dei bambini.
Ascoltare i bambini e le loro affermazioni o domande, spesso spiazzanti per la loro ingenuità, ti suggerisce tematiche o metafore che rimandano a temi universali. I bambini sono dei veri e propri filosofi della vita quotidiana. Se ci soffermiamo ad ascoltarli potremo essere degli educatori e forse anche degli adulti migliori.
In questo spettacolo saranno le paure, i sogni, i desideri, le attese, le speranze dell’infanzia ad essere oggetto di piccole poesie in musica. Le canzoni ci trasporteranno nella loro quotidianità.
Tanti temi, come un atlante della vita e dei sentimenti dei bambini.

teatro d’attore, musica dal vivo – dai 3 anni
di e con Silvano Antonelli; produzione Stilema Unoteatro

 

Lo spettacolo è inserito nella rassegna TEATRO DEI PICCOLI open air, manifestazione che aderisce al progetto LA CAMPANIA E’. Un’ora prima dell’inizio di ciascuna replica degli spettacoli in rassegna, nella pineta del teatro, saranno attivati laboratori a tema scientifico a cura dei comunicatori della scienza de Le Nuvole inclusi nel biglietto d’ingresso.

Sia l’accesso alla struttura che la fruizione delle attività sono strettamente vincolati al rispetto delle norme per il contenimento del contagio da Covid 19.

Biglietteria:
ingresso € 7,00 (unico laboratorio + spettacolo) con PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA al tel. 327 0795871
apertura biglietteria: 90 minuti prima dell’orario di inizio spettacolo
inizio laboratorio: 60 minuti prima dell’inizio spettacolo

Come arrivare:
– con auto ingresso consigliato da Via Terracina n.197, Quick Parking
– ingresso pedonale viale Usodimare

Social:
FB/ teatrodeipiccolinapoli

 

 

 

Giu
20
Dom
Varietà prestige @ Pineta del Teatro dei Piccoli
Giu [email protected]:30–18:00
Varietà prestige @ Pineta del Teatro dei Piccoli | Napoli | Campania | Italia

Mitzi, un’elegante clown in gonnella, vi porterà nel suo mondo di fantasie retrò, di manie surreali e di sogni reali. Accanto a lei, i suoi soci di legno: marionette dall’apparenza innocente, ma… chi sarà il vero protagonista di questo spettacolo?

Un omaggio all’Avanspettacolo e al mondo del Cabaret degli anni ’30: quando le persone cercavano l’incanto e gustavano la dolcezza che l’Arte Varia sapeva donare, perché si sa “la vita è amara quando in fondo non c’è zucchero”.

teatro d’attore, clownerie, marionette a filo – dai 3 anni
di e con Francesca Zoccarato; regia Dadde Visconti; marionette Jan Ruzicka; produzione Compagnia Zoccarato

 

Lo spettacolo è inserito nella rassegna TEATRO DEI PICCOLI open air, manifestazione che aderisce al progetto LA CAMPANIA E’. Un’ora prima dell’inizio di ciascuna replica degli spettacoli in rassegna, nella pineta del teatro, saranno attivati laboratori a tema scientifico a cura dei comunicatori della scienza de Le Nuvole inclusi nel biglietto d’ingresso.

Sia l’accesso alla struttura che la fruizione delle attività sono strettamente vincolati al rispetto delle norme per il contenimento del contagio da Covid 19.

Biglietteria:
ingresso € 7,00 (unico laboratorio + spettacolo) con PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA al tel. 327 0795871
apertura biglietteria: 90 minuti prima dell’orario di inizio spettacolo
inizio laboratorio: 60 minuti prima dell’inizio spettacolo

Come arrivare:
– con auto ingresso consigliato da Via Terracina n.197, Quick Parking
– ingresso pedonale viale Usodimare

Social:
FB/ teatrodeipiccolinapoli

 

 

Giu
27
Dom
Fish&Bubbles @ Pineta del Teatro dei Piccoli
Giu [email protected]:30–19:00
Fish&Bubbles @ Pineta del Teatro dei Piccoli | Napoli | Campania | Italia

Oggi splende il sole, ma non per tutti! Un Pescatore della domenica è perseguitato da una nuvoletta dispettosa che lo innaffia ovunque vada.
Ma non c’è nulla da temere lui non si dispera, lui è fatto di sapone e i suoi pensieri sono bollicine colorate e per lui la pioggia è una ghiotta occasione per mostrarvi i suoi giochi preferiti!

Lo spettacolo è scritto e messo in scena da Michele Cafaggi PREMIO ENRIQUEZ 2016- XII^ edizione Città di Sirolo (Ancona) con la seguente motivazione:
“Il suo teatro e le sue bolle piene di poesia catturano gli occhi e il cuore di grandi e bambini, i suoi spettacoli sempre raffinati, estasianti, coinvolgenti, ricchi di clownerie, sono il frutto di una  ricerca profonda e di una maturità, mimico- attoriale, raggiunta. La sua arte è spesso a disposizione di eventi benefici a favore dei bambini, ricordiamo la sua opera presso la Fondazione Theodora Onlus, per la quale veste presso i reparti pediatrici i panni del dott. Sogno, un grande esempio di impegno sociale e civile.

clownerie, pantomima, magia, bolle di sapone – dai 3 anni
di e con Michele Cafaggi; regia Ted Luminarc; produzione Michele Cafaggi

 

Lo spettacolo è inserito nella rassegna TEATRO DEI PICCOLI open air, manifestazione che aderisce al progetto LA CAMPANIA E’. Un’ora prima dell’inizio di ciascuna replica degli spettacoli in rassegna, nella pineta del teatro, saranno attivati laboratori a tema scientifico a cura dei comunicatori della scienza de Le Nuvole inclusi nel biglietto d’ingresso.

Sia l’accesso alla struttura che la fruizione delle attività sono strettamente vincolati al rispetto delle norme per il contenimento del contagio da Covid 19.

Biglietteria:
ingresso € 7,00 (unico laboratorio + spettacolo) con PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA al tel. 327 0795871
apertura biglietteria: 90 minuti prima dell’orario di inizio spettacolo
inizio laboratorio: 60 minuti prima dell’inizio spettacolo

Come arrivare:
– con auto ingresso consigliato da Via Terracina n.197, Quick Parking
– ingresso pedonale viale Usodimare

Social:
FB/ teatrodeipiccolinapoli

 

 

 

Lug
4
Dom
Clouds Lab Contest @ Pineta del Teatro dei Piccoli
Il primo ✨CLOUDS lab CONTEST Summer Edition 2021 ✨
In occasione delle repliche dello spettacolo LE STORIE DI CIPOLLINO vieni a seguire i nostri CLOUDS lab Teatro dei Piccoli di Napoli e mandaci una foto o un video dell’esperimento che riuscirai a riprodurre a casa…ai vincitori una T-SHIRT de Le Nuvole Scienza ✌🏼
✅ Come puoi PARTECIPARE al CLOUD lab CONTEST Summer Edition 2021:
> prenota al 3270795871 il tuo posto allo spettacolo LE STORIE DI CIPOLLINO al Teatro dei Piccoli in una delle date in calendario a luglio 2021*;
> a partire da un’ora prima dell’inizio spettacolo (ore 10.30 replica del mattino e ore 18 replica del pomeriggio) puoi prendere parte ad uno dei CLOUDS lab (uno per fascia 3/6 anni – uno per fascia 7/11 anni);
> a conclusione del laboratorio riceverai un’infografica per ripetere a casa uno degli esperimenti svolti insieme al nostro comunicatore della scienza.
📸 SCATTA una FOTO o GIRA un breve VIDEO mentre riproduci a casa il CLOUDS lab e manda tutto a [email protected]!!!
🏆 il 26 luglio – in diretta fb sulla pagina @nuvolescienza – segui l’estrazione dei vincitori – categoria 3/6 anni e 7/11 anni – per sapere se HAI VINTO TU la bellissima e nuovissima maglietta de Le Nuvole Scienza 👚 👕
*domenica 4, sabato 10, domenica 11, domenica 18, domenica 25 luglio 2021

 

Lo spettacolo è inserito nella rassegna TEATRO DEI PICCOLI open air, manifestazione che aderisce al progetto LA CAMPANIA E’. Un’ora prima dell’inizio di ciascuna replica degli spettacoli in rassegna, nella pineta del teatro, saranno attivati laboratori a tema scientifico a cura dei comunicatori della scienza de Le Nuvole inclusi nel biglietto d’ingresso.

Sia l’accesso alla struttura che la fruizione delle attività sono strettamente vincolati al rispetto delle norme per il contenimento del contagio da Covid 19.

Biglietteria:
ingresso € 7,00 (unico laboratorio + spettacolo) con PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA al tel. 327 0795871
apertura biglietteria: 90 minuti prima dell’orario di inizio spettacolo
inizio laboratorio: 60 minuti prima dell’inizio spettacolo

Come arrivare:
– con auto ingresso consigliato da Via Terracina n.197, Quick Parking
– ingresso pedonale viale Usodimare

Social:
FB/ teatrodeipiccolinapoli

 

 

 

Set
5
Dom
Le storie di Cipollino @ Pineta del Teatro dei Piccoli
Le storie di Cipollino @ Pineta del Teatro dei Piccoli | Napoli | Campania | Italia

calendario completo:
domenica 5, sabato 11, domenica 26 settembre ore 17 – sabato 2 ottobre ore 11.30, domenica 3, domenica 10 ottobre ore 17 – sabato 24 e domenica 30 ottobre ore 11.30.

E’ il protagonista, Cipollino in persona, a chiedere ad una fanciulla di raccontare ai bambini e ai ragazzi la sua storia. Comincia così un viaggio in una città abitata da vegetali e frutti antropomorfi dove il Principe Limone opprime tutti con le sue regole insensate. Situazioni al limite del grottesco risolte da un Cipollino capopopolo che a colpi di scherzi e beffe, senza mai ricorrere alla violenza, e soprattutto con il coinvolgimento del pubblico riuscirà a sovvertire l’ordine delle cose.  Sor Zucchina, il violinista Piero Pera, il cavalier Pomodoro, la Talpa esploratrice e l’avvocato Pisellino sono solo alcuni dei personaggi che, già solo dal nome, raccontano il fantastico e simbolico mondo di Gianni Rodari che si esprime con la semplicità dei piccoli per parlare dei temi dei grandi.

spettacolo di narrazione e animazione liberamente ispirato a “Le avventure di cipollino” di Gianni Rodari – dai 3 anni
con Rosanna Gagliotti, Francesco Di Gennaro; ideazione e realizzazione pupazzi Fabio Lastrucci e Selvaggia Filippini; messa in scena Enzo Musicò; una produzione Le Nuvole/Casa del Contemporaneo

Lo spettacolo è inserito nella rassegna TEATRO DEI PICCOLI open air, manifestazione che aderisce al progetto LA CAMPANIA E’. Un’ora prima dell’inizio di ciascuna replica degli spettacoli in rassegna, nella pineta del teatro, saranno attivati laboratori a tema scientifico – i CLOUDS LAB – a cura dei comunicatori della scienza de Le Nuvole inclusi nel biglietto d’ingresso.

Sia l’accesso alla struttura che la fruizione delle attività sono strettamente vincolati al rispetto delle norme per il contenimento del contagio da Covid-19. La partecipazione del pubblico è contingentata e, pertanto, si consiglia la prenotazione al 3270795871.

Biglietteria:
ingresso € 7,00 (unico laboratorio + spettacolo) con PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA al tel. 327 0795871
apertura biglietteria: 90 minuti prima dell’orario di inizio spettacolo
inizio laboratorio: 60 minuti prima dell’inizio spettacolo

Come arrivare:
– con auto ingresso consigliato da Via Terracina n.197, Quick Parking
– ingresso pedonale viale Usodimare

Social:
FB/ teatrodeipiccolinapoli

Set
12
Dom
Pulcinella che Passione @ Pineta del Teatro dei Piccoli
Pulcinella che Passione @ Pineta del Teatro dei Piccoli | Napoli | Campania | Italia

Pulcinella è quell’eterno bambinone che diverte i più piccoli e ricorda ai più grandi l’entusiasmo di lasciarsi andare ai propri sogni e all’illusione che un pizzico di magia esiste nella vita e può essere d’aiuto a non perdere mai la speranza negli uomini e nei desideri di amore e libertà. Dopo aver mangiato e bevuto a sazietà in un’osteria, il nostro Pulcinella è andato via senza pagare ed ora dovrà vedersela con un oste arrabbiatissimo disposto ad inseguirlo ovunque pur di avere il denaro che gli spetta. Anzi riuscirà a fare meglio, per essere sicuro di trovarlo, l’oste si farà accompagnare da un impettito Brigadiere che, lanciandosi in un rocambolesco inseguimento con Pulcinella, finirà addirittura in ospedale dove un Medico Chirurgo si prenderà cura di lui. Ma i guai per Pulcinella non sono certo finiti, anzi, per assicurarsi di aver seminato definitivamente i suoi inseguitori, cercherà rifugio in uno strano palazzo tutto polveroso: il palazzo dell’Orco Belzebò. Pulcinella troverà il modo di scampare anche a questo pericolo e a tornare, finalmente, dalla sua amata Palummella?

In repertorio dal 1985 questa produzione di burattini in baracca riesce ogni volta a raccontarsi in modo nuovo al suo pubblico di bambini e anche di adulti. Le disavventure che questo personaggio vivrà, infatti, si adattano perfettamente ad ogni tempo, riflettendo le difficoltà che ognuno si trova ad affrontare tutti i giorni fra casualità e disattenzione.

Antonello Furmiglieri – autore dei burattini ed interprete – gioca molto con i suoni e le parole oltre che con le mani e la gestualità insieme ai suoi burattini, accompagnato dalle musiche di Haendel e Verdi, accuratamente selezionate da Riccardo Cominotto: giochi di parole per meglio compiere la vera magia dell’animazione.

burattini in baracca – dai 3 anni

con Antonello Furmiglieri; burattini di Antonello Furmiglieri; selezione musicale Riccardo Cominotto; produzione Casa del Contemporaneo.

 

Lo spettacolo è inserito nella rassegna TEATRO DEI PICCOLI open air, manifestazione che aderisce al progetto LA CAMPANIA E’. Un’ora prima dell’inizio di ciascuna replica degli spettacoli in rassegna, nella pineta del teatro, saranno attivati laboratori a tema scientifico – i CLOUDS LAB – a cura dei comunicatori della scienza de Le Nuvole inclusi nel biglietto d’ingresso.

Sia l’accesso alla struttura che la fruizione delle attività sono strettamente vincolati al rispetto delle norme per il contenimento del contagio da Covid-19. La partecipazione del pubblico è contingentata e, pertanto, si consiglia la prenotazione al 3270795871.

Biglietteria:
ingresso € 7,00 (unico laboratorio + spettacolo) con PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA al tel. 327 0795871
apertura biglietteria: 90 minuti prima dell’orario di inizio spettacolo
inizio laboratorio: 60 minuti prima dell’inizio spettacolo

Come arrivare:
– con auto ingresso consigliato da Via Terracina n.197, Quick Parking
– ingresso pedonale viale Usodimare

Social:
FB/ teatrodeipiccolinapoli

Set
19
Dom
Bianca, Neve e i Tre Sette Nani @ Pineta del Teatro dei Piccoli
Set [email protected]:00–18:00
Bianca, Neve e i Tre Sette Nani @ Pineta del Teatro dei Piccoli | Napoli | Campania | Italia
La storia antica ma incredibilmente attuale dei fratelli Grimm nella libera interpretazione di Mutamenti/Teatro Civico 14 con musiche e testi di canzoni inediti.
Nel castello di Lohr in Bassa Franconia, Bianca visita la splendida collezione di specchi, tra questi ce n’è uno quasi magico che ripete le parole di chi si specchia.
La ragazza, incantata da tal prodigio, non si accorge della chiusura del museo e resta intrappolata all’interno dello stesso. Dopo la chiusura misteriosi personaggi faranno la loro comparsa e coinvolgeranno Bianca in un’avventura che ricorda tanto quella di Biancaneve che in quel castello, pare, sia nata.

teatro d’attore e canzoni inedite – dai 3 anni

Liberamente ispirato a “Biancaneve e i sette nani” dei fratelli Grimm
con Roberto Solofria, Antimo Navarra, Vincenzo Bellaiuto, Ilaria Delli Paoli; testo e regia Roberto Solofria; musiche originali Paky Di Maio – testi delle canzoni Laura Bova e Roberto Solofria; costumi Alina Lombardi
| scene Antonio Buonocore | illustrazioni Valentina Piscopo; una produzione Mutamenti/Teatro Civico 14

Lo spettacolo è inserito nella rassegna TEATRO DEI PICCOLI open air, manifestazione che aderisce al progetto LA CAMPANIA E’. Un’ora prima dell’inizio di ciascuna replica degli spettacoli in rassegna, nella pineta del teatro, saranno attivati laboratori a tema scientifico – i CLOUDS LAB – a cura dei comunicatori della scienza de Le Nuvole inclusi nel biglietto d’ingresso.

Sia l’accesso alla struttura che la fruizione delle attività sono strettamente vincolati al rispetto delle norme per il contenimento del contagio da Covid-19. La partecipazione del pubblico è contingentata e, pertanto, si consiglia la prenotazione al 3270795871.

Biglietteria:
ingresso € 7,00 (unico laboratorio + spettacolo) con PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA al tel. 327 0795871
apertura biglietteria: 90 minuti prima dell’orario di inizio spettacolo
inizio laboratorio: 60 minuti prima dell’inizio spettacolo

Come arrivare:
– con auto ingresso consigliato da Via Terracina n.197, Quick Parking
– ingresso pedonale viale Usodimare

Social:
FB/ teatrodeipiccolinapoli

Set
20
Lun
TARABARALLA, mostra e laboratori @ Palazzo Fondi
TARABARALLA, mostra e laboratori @ Palazzo Fondi | Napoli | Campania | Italia

Un incontro che rinnova collaborazioni decennali e incroci fecondi di percorsi culturali e associativi dalla parte dell’infanzia: arriva così a Napoli, ospitata negli spazi dell’Accademia Davines di Palazzo Fondi, con la collaborazione organizzativa di Casa del Contemporaneo e Le Nuvole, la mostra TARABARALLA – Il tesoro del bruco baronessa, progetto realizzato da Carthusia Edizioni in collaborazione con BPER Banca che nella sua tappa napoletana è a cura di Kolibrì, Associazione Culturale Premio Andersen 2007.

Il punto di partenza del più ampio progetto itinerante “Tarabaralla” ha origine dalla realizzazione di un albo illustrato e musicato, dal titolo Tarabaralla, il tesoro del bruco baronessa, testo e musiche di Elisabetta Garilli con tavole di Valeria Petrone, che si configura in modo semplice e accattivante come un libro fiabesco per bambini di cui l’autrice, compositrice e pianista Elisabetta Garilli ha curato la colonna sonora e la storia, illustrata vivacemente dalle tavole pluricromatiche dell’illustratrice di fama internazionale Valeria Petrone con l’obiettivo di sensibilizzare i più piccoli sul valore delle cose, sull’importanza del saper mettere da parte qualcosa per realizzare i propri sogni e sul valore incommensurabile dell’amicizia e della solidarietà. Il libro, realizzato da Carthusia edizioni, è parte di un ricco e articolato progetto dedicato all’educazione finanziaria sostenibile, realizzato dalla stessa casa editrice in collaborazione con BPER Banca, impegnata in progetti educativi in ambito sociale e culturale.

Palazzo Fondi, affascinante edificio monumentale di Napoli, negli spazi allestiti dall’Accademia Davines da sempre impegnata sui valori di etica, bellezza e sostenibilità arriva ora la mostra (ingresso libero, su prenotazione) delle tavole tratte dal libro e corredata (lunedì 20 e martedì 21 settembre) di visite guidate, letture animate dall’albo illustrato e laboratori creat(t)tivi, curati dagli operatori di Kolibrì Chiara Licenziati e Amerigo Pinelli in stretta collaborazione con Casa del Contemporaneo e Le Nuvole. 

La mostra è un piccolo percorso itinerante  tra pagine altezza uomo all’interno delle quali le bambine ed i bambini, ma anche gli adulti, si muovono seguendo la linea della parola scritta o perdendosi nei colori e nei tratti grafici delle illustrazioni. Strettamente connessa alla mostra la proposta di attività di fruizione per i più piccoli: incontri di letture animate e laboratori ispirati dai temi del libro e dalle illustrazioni e realizzati dagli operatori di Kolibrì, impegnata da oltre vent’anni nella costruzione di una civiltà dell’infanzia attraverso buone pratiche divenute “case Stoy” in alcune università italiane con i suoi progetti interculturali e di Reading Literacy per bambini, ragazzi, scuole, famiglie.

Il progetto, nella tappa napoletana, si chiuderà mercoledì 22 settembre alle ore 18:30 al Teatro Politeama con un evento per bambini e famiglie (ingresso libero su prenotazione: [email protected]) la gioiosa performance artistica e interattiva con musica dal vivo della “colonna sonora” del libro, accompagnati da voce recitante, video-installazioni e interpretazioni musicali e coreutiche di 10 artisti dell’Atelier Elisabetta Garilli e i musicisti del Garilli Sound Project. La colonna sonora dell’albo può essere scaricata gratuitamente attraverso un QR code presente sul libro, che verrà donato autografato dall’autrice a tutte le famiglie e i bimbi partecipanti allo spettacolo.

Info Mostra:

  • lunedì 20 e martedì 21 settembre 2021 ore 14.30/18.30
  • ingresso libero, fino ad esaurimento posti

Info laboratori

TITOLO: L’isola del tesoro del Bruco baronessa. 

BREVE DESCRIZIONE DEL LABORATORIO: I bambini, accolti in un magico angolo delle storie, vengono accompagnati dagli operatori in un piccolo viaggio tra le grandi pagine della mostra delle tavole di Valeria Petrone, ascoltando la lettura ad alta voce di brani del libro, sull’onda delle musiche di Elisabetta Garilli. Dopo questo momento partecipato e immersivo nell’albo, segue il laboratorio creativo di giocosa manipolazione e di espressione grafico-pittorica (con supporti vari, nello stile di Mirò), guidato dagli operatori Chiara Licenziati e Amerigo Pinelli, che stimoleranno i bambini e il loro vissuto a partire da alcuni temi ispirati dal libro (solidarietà, amicizia, realizzazione dei propri sogni e desideri).

ORARI:

  • lunedì 20 e martedì 21 settembre ore 15 e ore 17 (durata di 90 minuti – max 25 pax);
  • per bambine e bambini dai 4 ai 10 anni;
  • gratuiti con prenotazione obbligatoria a [email protected]e 3454679142 (anche whatsapp).

Sia l’accesso alla mostra che ai laboratori sono vincolati al rispetto della normativa anti covid vigente (uso delle mascherine, distanziamento, green pass dai 12 anni in su)

TARABARALLA_la mostra del Progetto di Carthusia/BPER Banca

tappa napoletana a cura di Kolibrì, Associazione Culturale Premio Andersen 2007

con la collaborazione organizzativa di Casa del Contemporaneo e Le Nuvole e il supporto logistico dell’Accademia Davines a Palazzo Fondi, Napoli